Festa della Mamma: una nuova poesia dialettale di Giuseppe Marzano dedicata alle mamme

Festa della Mamma: una nuova poesia dialettale di Giuseppe Marzano dedicata alle mamme

8 Maggio 2022 2 Di Giuseppe Marzano

G. Marzano

In occasione della Festa della Mamma, un’ode alla mamma scritta in questi giorni dal nostro poeta dialettale ins. Giuseppe Marzano, un “giovane spirito” 88enne, che, con l’animo da fanciullo sempre innamorato della sua mamma, eleva un vero “peana” alla sua e a tutte le mamme di Collepasso e del mondo.

Non finiremo mai di ringraziare l’amico Pippi per queste “perle” di poesia e di amore.

Auguri a tutte le mamme! (p.g.)

          La cara Mamma

La prima ca te stringe

e ca te vasa,

te ‘mbrazza ccu’ l’amore

crande e veru,

ci ete? Sai ci ete?

‘Essi sinceru!

La cara Mamma!

Quandu nnu’ ccunti ‘ncora

e nnu’ camini,

quandu pe’ nenti chiangi

o te ‘rruvini,

ci ete ca te iuta, ci ete…

Lu ‘nduvini?

La cara Mamma!

Quiddhra a tie vicina,

tutta core,

ca te ‘nsiste, notte e giurnu,

ccu’ l’amore,

e te sente “vita sòa”,

…e quistu è bberu,

sia ca te pare quasi

‘nnu misteru…

Ci ete?

La cara Mamma!

Quandu ‘rria lu tiempu

t’a parola,

‘ncora ‘nciarfrisciata,

‘nciarfisciandu,

“una” t’esse bbona,

cu’ llu risu,

ggiusta, sana, sana…

Cci ha capitu?

La cara Mamma!

Quandu, ‘u primu ggiurnu,

vai ‘llà scola,

all’asilu, comu prima se ticìa,

a ci ne tole l’arma, ddhrai

ttè lassa;

se nnutaca lu core

e cchiui nnu’ basta?

La cara Mamma!

Quandu crandiceddhru,

e ‘nnanzi ‘ncora,

zzicchi ‘a longa vita

te la scola,

quiddhra te ‘micizzie,

te famija,

e tantu, tantu ‘mpegnu

te fatica,

c’ete… ca te penza

e te cunsija,

c’ete ca te cuarda

e benatice,

e, cu’ tanti te panzieri,

se scumpija?!?

La cara Mamma!

Scendu, poi, ‘nnanzi

pe’ lla vita,

ci te vàe taritta,

o puru storta,

l’umbra sòa t’amore,

senza ‘bbenta,

te secuta, secutandu

e… ttè cunforta.

Ci ete sempre?

La cara Mamma!

E…

puru tie

la porti

‘ntrà llu core,

la chiami, chiami

sempre

e la mantùi:

“Ahi, mamma!”,

tici sempre ci te toli.

“Oh, mamma!”,

ci te presci e ssi’ cuntentu.

“Oh, mamma!”,

ci te pressa te scumpij.

E… “mamma”,

sempre “mamma”,

‘ncora chiami…

Mai, mai

la spicci te chiamare,

mai, mai

la spicci, poi, te “AMARE”.

E ieu, bbè lassu, qquai,

alla fine, scrittu,

quiddhru ca ticìa

‘nnù veru “tdittu”:

“Ci tice ca t’ama

cchiui te MAMMA,

ccu’ parole te ‘nganna”!

Auguri a tutte le mamme!

Giuseppe Marzano

LEGGI ANCHE  Domenica 23 marzo, ore 15.00, la Stella del Colle incontra fuori casa l’Ugento

5 maggio 2022