“Emma è salva”… grazie alla segnalazione dei vicini e al pronto intervento della Comandante dei Vigili

“Emma è salva”… grazie alla segnalazione dei vicini e al pronto intervento della Comandante dei Vigili

23 Maggio 2022 Off Di Pantaleo Gianfreda

Piazza Vittoria

Continua, per fortuna, ad essere viva nei nostri piccoli centri quell’antica “solidarietà di comunità” o “di buon vicinato”, forse impossibile o impensabile nelle città, dove “ognuno si fa i fatti propri” e casi analoghi hanno avuto spesso “’na trista fine”… e non, come nel nostro, un “lieto fine”.

È pur vero che, come dice un conoscente, “Emma ha sette vite”, ma senza la segnalazione dei vicini e il pronto intervento della Comandante dei Vigili Maria Grazia Esposito forse oggi “’sta la cuntavane diversamente”!

Per cui, come si dice da noi, “crazie a Diu”, Emma è salva!

Veniamo ai fatti.

Emma è una delle ultime “storiche” abitanti della “chiazziceddhra”, come viene chiamata da sempre piazza Vittoria. La piazzetta è ormai quasi disabitata e poco frequentata rispetto agli anni ’50, ’60 e anche ‘70, quando la vita del paese “ferveva” soprattutto attorno alla “chiazziceddhra”, piena di attività commerciali e di personaggi caratteristici (“lu tabacchinu te la ‘Nsina”, il salone per donne e l’edicola “te l’Ucciu Fusu e te la Emma”, il salone per uomini “te mesciu Romeu” e poi “te mesciu Ernestu”, l’“alimentari te lu Totu Filieri”, la “puteca te vinu te l’Ucciu Filieri”, “lu sindacatu te l’Adilviu Verardi”, ecc. ecc.).

LEGGI ANCHE  Domenica 31 maggio, ore 8.00-12.00, c/o Fidas Collepasso, Fidas Giovani organizza donazione del sangue

Emma oggi è ormai sulla soglia dei 90 anni e non è più arzilla come un tempo, quando, dalla sua magione in affitto al primo piano, “scindìa ccu’ sguarìa” spesso nel corso della giornata con i vicini.

Nonostante l’età, però, non disdegna tuttora, seppur con maggiore parsimonia, di “scendere le scale”.

Solo che da alcuni giorni “la Emma”… non scendeva più le scale né si faceva vedere. Con somma costernazione dei pochi vicini. “Iti vistu la Emma?… ma nnu’ sta bbona la Emma? … ma n’ha successu nenszi?”… insomma, uno… due… tre giorni… ma “la Emma” non si faceva vedere.

Stamattina, infine, un vicino, assai preoccupato perché “la Emma non si faceva vedere”, chiama la Comandante dei Vigili, che accorre subito. La “buona samaritana” sale le scale, bussa, chiama ripetutamente… ma nessuno risponde.

La Comandante P.M. Maria Grazia Esposito

Tutti temono il peggio… ma sfondare la porta di una casa privata ed entrarci non è possibile. La dott.ssa Esposito si attiva immediatamente… avvisa prima il Magistrato della Procura della Repubblica dott.ssa Moschettini, che le concede ampia autorizzazione… poi i Vigili del Fuoco, i Carabinieri e il 118. Tutti accorrono immediatamente. Salgono le scale e, dopo aver ripetutamente e inutilmente “dato voce”, sfondano la porta ed entrano. L’immagine che si presenta è piuttosto impressionante… Emma è a terra… debole e dolorante per una frattura alla gamba… in una situazione piuttosto “delicata”… riesce appena a parlare, ma è viva!

LEGGI ANCHE  23 maggio, 30° anniversario della strage di Capaci e Giornata nazionale della Legalità (incontro pubblico, ore 19, piazza Dante)

Ripulita e soccorsa, la donna viene portata in ospedale tra la soddisfazione di tutti i vicini, grazie ai quali oggi è salva.

Grande la commozione della Comandante dei Vigili Maria Grazia Esposito per la brutta esperienza di Emma, cui ha assistito e partecipato con quella sensibilità tipica delle donne, anche quando vestono una divisa.

Sono soddisfatta per il pronto intervento, ma sono soprattutto felice perché Emma è viva!”, dice commossa la Comandante.

Auguri, Emma… e torna presto!

Pantaleo Gianfreda