23 maggio, 30° anniversario della strage di Capaci e Giornata nazionale della Legalità (incontro pubblico, ore 19, piazza Dante)

23 maggio, 30° anniversario della strage di Capaci e Giornata nazionale della Legalità (incontro pubblico, ore 19, piazza Dante)

22 Maggio 2022 Off Di Pantaleo Gianfreda

Il 23 maggio ricorre il 30° anniversario della strage di Capaci ad opera della mafia, in cui vennero assassinati il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo, anche lei magistrato, e gli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro (poliziotto salentino, originario di Calimera).

Il 23 maggio è il giorno scelto anche come data in cui celebrare ogni anno la “Giornata nazionale della Legalità” per commemorare le vittime di tutte le mafie e, in particolare, ricordare la strage di Capaci e la successiva di via D’Amelio del 19 luglio 1992, in cui fu assassinato il giudice Paolo Borsellino insieme ai cinque agenti della sua scorta.

Falcone e Borsellino, due amici, due grandi e coraggiosi magistrati, due veri eroi che pagarono con la vita la loro inflessibile battaglia giudiziaria per liberare la Sicilia e tutta l’Italia dal cancro della mafia e chiudere in galera mafiosi di ogni risma.

Il 1992 fu un anno cruciale per l’Italia (e anche per Collepasso).

In occasione del 23 maggio, l’Amministrazione comunale ha organizzato, alle ore 19.00, un incontro in piazza Dante.

Dopo i saluti della sindaca Laura Manta e del consigliere delegato alle Politiche giovanili Giovanni De Luca, intervengono Loredana Capone, Presidente del Consiglio Regionale, e Alberto Maritati, già magistrato e senatore, autore del libro “Conoscere la Costituzione italiana. Un percorso guidato” (2019, ed. Laterza).

LEGGI ANCHE  Aperta a Parabita la X edizione di Identità salentina

Per l’iniziativa “L’albero di Falcone”, interviene anche il giovanissimo Samuel Imperiale, alunno della seconda classe della Scuola Secondaria di Collepasso.

Nel corso della manifestazione verrà consegnata ai neo18enni copia della Costituzione, riprendendo la bella iniziativa dell’allora assessore alle Politiche giovanili Francesco Ria nell’Amministrazione 2006-2011 (un’ottima iniziativa la consegna della Costituzione ai 18enni… ma perché non farla il 2 giugno?!?).

In verità, più che un’iniziativa istituzionale, quella promossa dall’Amministrazione sembra un’iniziativa del partito di cui Laura Manta è ancora segretaria (gli ospiti sono ambedue esponenti del Pd)… un modo un po’ angusto per ricordare il 30° anniversario della strage di Capaci e i valori della legalità e della lotta alla criminalità organizzata, di cui Falcone e Borsellino furono alfieri e martiri.

L’anniversario della strage di Capaci coincide anche con il 30° di un anno locale particolare, che portò, il 16 giugno 1992, a cavallo tra l’assassinio di Falcone e quello di Borsellino, all’autoscioglimento del Consiglio comunale di Collepasso dopo le gravi accuse della Commissione Parlamentare Antimafia di condizionamenti e collusioni dell’Amministrazione comunale con elementi della criminalità organizzata.

Forse si è persa l’occasione per riflessioni, testimonianze e approfondimenti storici di carattere sia nazionale (ad esempio, su alcuni irrisolti enigmi circa i rapporti tra mafia e politica,  che portarono a “cancellare” fisicamente Falcone e poi Borsellino) che locale… ma quest’ultimo argomento appare per tanti ancora un “tabù” (anche per gli attuali amministratori?!?)…

LEGGI ANCHE  Debito con la ditta Bianco