Questa sera su Canale 5 (ore 21.25) “I fratelli Caputo”: nella fiction anche Marzia Quartini, originaria di Collepasso

8 Gennaio 2021 Off Di Pantaleo Gianfreda
Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

 

Marzia (sopra e sotto, in coda all’articolo) in alcune scene della fiction                                 (immagini dal profilo fb di Marzia)

Appuntamento su Canale 5, questa sera (venerdì 8 gennaio, ore 21,25), per la quarta ed ultima puntata de “I fratelli Caputo” del regista Alessio Inturri, la serie televisiva in quattro puntate girata nel Salento, sebbene ambientata in un immaginario paesino siciliano, che ha come principali protagonisti Nino Frassica e Cesare Boccia.

Nino Frassica e Cesare Bocci, i due interpreti de “I fratelli Caputo”

Oltre i due citati nella precedente news (Monica Levanto e Tony Sarcinella), anche un’altra collepassese partecipa alla fiction.

Marzia Quartini

Si tratta di Marzia Quartini, operatrice culturale di talento, oltre che attrice, sposata a Lecce con il regista Gianni De Blasi, ma nativa e molto legata a Collepasso, dove vivono i suoi familiari.

Per il suo talento e la sua ultradecennale ed intensa attività culturale a Lecce e in tutto il Salento, Marzia (con la quale mi sono già scusato per non averla, solo per “ignoranza”, precedentemente citata) merita di essere meglio conosciuta (ed apprezzata) dai suoi compaesani e da tutti i lettori di InfoCollepasso. Marzia è, infatti, artista e operatrice culturale molto brava ed impegnata, oltre che donna sensibile, dolce e anche bella.

Per questo (e, in subordine, anche per farmi “perdonare” l’involontaria e precedente omissione) dedicherò prossimamente un articolo a questa “ragazza speciale”… “speciale” per i tanti doni e “talenti” che Madre Natura le ha trasmesso e che lei ha sapientemente saputo adoperare e “mettere a frutto”, soprattutto in favore delle giovani generazioni.

Congratulazioni a Marzia e buona visione a tutte/i!

Pantaleo Gianfreda


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •