Arriva il terzo candidato sindaco (e altri verranno): è Fabrizio Mangia, 49 anni, avvocato

Arriva il terzo candidato sindaco (e altri verranno): è Fabrizio Mangia, 49 anni, avvocato

25 Agosto 2021 Off Di Pantaleo Gianfreda
Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Fabrizio Mangia

Dopo l’ufficializzazione di Mario Vecchio quale candidato sindaco del centrodestra indicato dal sindaco uscente Paolo Manozzi (Fratelli d’Italia, “versione segreteria provinciale”), arriva dal centrodestra un altro candidato sindaco indicato dalla vicesindaca uscente Mariarosa Grasso e dalla consigliera, nonché coordinatrice comunale del partito della Meloni, Ada Ria (Fratelli d’Italia, “versione segreteria comunale”): è Fabrizio Mangia, 49 anni, avvocato.

Uno scontro tra “fratelli/coltelli” che sancisce la definitiva spaccatura all’interno dell’attuale maggioranza amministrativa, tra sindaco e vicesindaca uscenti.

“Sarà l’avv. Fabrizio Mangia il nostro candidato sindaco per le elezioni amministrative a Collepasso del 3-4 ottobre 2021 – scrivono, infatti, in una nota Mariarosa Grasso e Ada Ria nel presentare candidato e simbolo della lista -. Dopo un’analisi attenta delle risorse e delle professionalità a disposizione nella nostra piccola comunità, la scelta è ricaduta unanimemente su un nostro concittadino da sempre attento alle vicende del paese, che molto spesso ha messo a disposizione le sue conoscenze professionali nell’aiutare il prossimo. Un volto nuovo nel mondo della politica, ma da sempre vicino all’area della destra moderata, uomo della società civile che ha accettato con entusiasmo questo ruolo, il quale lo porta ad essere il candidato di tutti a prescindere delle varie sigle di partito.

PER TE è infatti il suo slogan elettorale.

PER TE cittadino. PER TE giovane. PER TE anziano. PER TE che hai bisogno. PER TE COLLEPASSO!”.

La vicesindaca uscente ha preferito, a quanto pare, non “rischiare in proprio” ed ha “ceduto” lo “scettro” di candidato sindaco ad un altro esponente della c.d. “società civile”. Probabilmente per non essere costretta a dimettersi dalla sua carica amministrativa e, forse, anche per “gettare un amo” a Salvatore Perrone, che ha stretti rapporti personali e professionali con l’avv. Mangia, “storico” legale nelle sue contese giudiziarie.

Questa terza candidatura a sindaco non sarà l’ultima. Altre sono certamente in arrivo.

Salv. Perrone

Ancora non definitiva né certa quella di Salvatore Perrone, consigliere comunale uscente e consigliere provinciale, che, dopo il “passo indietro” della Grasso, potrebbe ora confluire nella lista dell’avv. Mangia e rappresentare con il fido Rocco Sindaco il possibile “ago della bilancia” nella ormai storica contesa con il rivale Menozzi (suo vicesindaco a cavallo del millennio), quel “valore aggiunto” che potrebbe creare non pochi “grattacapi” alla lista del sindaco uscente. Soprattutto se la lista dell’avv. Mangia presenterà “nomi forti”, considerato lo scarso appeal del neocandidato sindaco.

Laura Manta

Per quanto riguarda la lista della segretaria Pd Laura Manta, la cui candidatura a sindaco non è stata ancora ufficializzata (…forse una doverosa “pausa di riflessione”?!?), bisogna registrare alcune forti problematiche e persino clamorose défaillances. Oltre l’intrinseca debolezza della lista (stando ai nomi che circolano), sembra che alcuni candidati abbiano già dato forfait. Clamorosa, per tutti, la “fuga” del “giovin signore” di “rito pagliaro”, esibito sinora come “valore aggiunto” di una lista che dovrebbe essere alternativa e progressista e presentava, invece, un effimero ed esile “cavallo di Troia” del simil-leghismo.

Nell’intero centrodestra locale sembra di assistere ad un “terremoto” con “scosse telluriche” continue, alcune di scarso rilievo, altre piuttosto devastanti.

Lucio Russo

Oltre la candidatura di “testimonianza”, già ufficializzata, del combattivo Lucio Russo con la “Fiamma tricolore”, un altro “fratello d’Italia” pare deciso a proseguire nella formazione di una lista autonoma.

Parrebbe riemergere, infatti, stando alle voci correnti, la candidatura a sindaco di Giovanni Filieri, docente in pensione, che ha “ripudiato” il cognato Menozzi ed è intenzionato a dargli “filo da torcere” con una sua lista, che, sempre stando alle voci “che corrono”, è in fase di avanzata composizione. Salvo, naturalmente, ulteriori sorprese dell’ultima ora, considerato che sia Filieri che Grasso e Ria si richiamano tutti all’eurodeputato Raffaele Fitto.

Giovanni Filieri

Per pochi giorni candidato ufficiale del centrodestra, il prof. Filieri (da sempre notoriamente molto vicino a Fitto, che ha “rotto” anche lui con Menozzi dopo i magri risultati delle elezioni regionali), aveva posto come condizione per accettare la candidatura a sindaco la “non presenza” del cognato in lista e, di fronte al prevedibile rifiuto, pare voglia andare ora per la sua strada, cercando una qualche convergenza con il “Movimento Giovanile Collepasso” di Marta Rossetti e Carmine Rizzo, che, in verità, appare sempre più “molto fumo e poco arrosto”.

Marta Rossetti

Questo movimento pare diviso tra idealisti e realisti, tra “puri e duri” e “pragmatici”, tra chi è disponibile a “sporcarsi le mani” e cercare collocazione in una delle liste forti del centrodestra (e persino nel centrosinistra) e chi, invece, è contrario ad ogni “contaminazione” con i vecchi personaggi della politica locale e insiste per presentare una propria lista e un proprio candidato sindaco.

Tante, al momento, sono ancora le incertezze e, in questa settimana decisiva, non sono da escludere i soliti “colpi di scena” nel rush finale prima della presentazione delle liste, la cui scadenza è fissata per il 4 settembre.

Pantaleo Gianfreda


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •