Omaggio a “Pauleddhru” Rossi e al Mondiale ’82: una sorprendente poesia in vernacolo di Pippi Marzano, “Simu ‘rrivati primi”

11 Dicembre 2020 Off Di Pantaleo Gianfreda
Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

“Pippi” Marzano

“Pippi” Marzano, nostro illustre “poeta vernacolare”, stavolta ci sorprende… non solo “usi, costumi e tradizioni” del nostro paese nelle sue poesie, ma anche “altro”: calcio, in questo caso! L’ins. Marzano preleva oggi dai “file” della sua memoria e delle sue opere una poesia del 1982 dedicata alla vittoria dell’Italia ai Mondiali di calcio e all’“eroe” di quei Mondiali… Paolo o “Pablito” o, come lo chiama il Nostro, “Pauleddhru” Rossi!

La prematura scomparsa di Rossi ha suscitato enorme emozione nel mondo del calcio e non solo.

Tante volte, in questi giorni, abbiamo visto scorrere sui video televisivi e sui media di ogni specie le immagini del Campione e di quel sorprendente Mondiale del 1982, quando nella finalissima del “Bernabeu” di Madrid, l’Italia batté la Germania per 3-1 anche con un goal di Paolo Rossi, che aveva trascinato la Nazionale verso la finalissima con le sue reti (memorabili e vittoriose la tripletta al Brasile e le due alla Polonia!) e che, da allora, entrò nella “leggenda del calcio” e, soprattutto, nei cuori di ogni italiano… come l’indimenticabile Sandro Pertini, “Presidente presente” ed esultante allo stadio “Bernabeu”, che invitò tutta la squadra a pranzo al Quirinale… ambedue, nell’immaginario collettivo, “Padri della Patria”.

LEGGI ANCHE  Sabato 1° febbraio, ore 18.30, salone Parrocchia Cristo Re, torneo di burraco

Per Paolo Rossi, grazie a Paolo Rossi – ha scritto il “Corriere della Sera” -, gli italiani hanno vissuto il momento di allegria collettiva più importante che possano ricordare. Quattro anni prima che la meravigliosa nazionale di Bearzot vincesse i mondiali di Spagna Aldo Moro veniva rapito e ucciso, due anni prima la stazione di Bologna saltava in aria con il suo carico di corpi straziati. Erano anni di piombo. Non solo quello con cui si fabbricavano le pallottole che con grande facilità venivano conficcate nelle gambe o nel cuore delle persone ma quello che gravava sull’atmosfera della nostra vita che si era fatta grigia, scura, pesante. Poi arrivò quell’estate, l’estate del 1982. E tutto cambiò”.

L’ins. Marzano, sindaco dal 1980 al 1985

…ecco spiegata, allora, la poesia “inusuale” dell’ins. Giuseppe “Pippi” Marzano, all’epoca sindaco del Comune di Collepasso!

Quella vittoria “cambiò” molte cose in Italia… e un uomo come Pippi, politico e amministratore, ma soprattutto sensibile e attento poeta e scrittore, “fissò” nei suoi versi quei sentimenti di orgoglio nazionale e di “ripresa” sociale e morale che si diffusero nel Paese e nel nostro paese… “…simu ‘rrivati primi!” fu il grido di un’Italia finalmente unita… e divenne il titolo della poesia dialettale dell’allora sindaco.

Certo, quella vittoria appariva “nnu misteru” (l’esordio della Nazionale ai Mondiale non fu dei più brillanti)… uno di quei “misteri” dell’arcano e indecifrabile Destino (o della Provvidenza) che contribuì a “risvegliare” l’Italia “grigia, scura, pesante” dalla “notte fonda” e dagli “anni di piombo” del periodo precedente… e Pippi Marzano, da par suo, fu “cantore” dei sentimenti di quel Paese e del nostro piccolo paese!

LEGGI ANCHE  Consiglio comunale

Grazie, Pippi… e onore alla memoria di Pauleddhru Rossi!

 

SIMU ‘RRIVATI PRIMI!

 

Simu ‘rrivati primi, quistu è bberu.

La Coppa è noscia, viva li Mundiali!

Mò ca s’ha vintu me pare nnu misteru!

 

“Sì crande, Italia, comu a tiempi tòi”

ìmu critatu tutti e, ncora moi,

santìmu ‘ntrà lle ricchie ddhre critate

c’hàne rimbumbatu ‘ntrà lle case:

“Sì crande Italia” ìmu critatu tutti,

cu l’ucca e cu llu core, ntrà nnu fiatu,

‘nnanzi llu schermu ca ‘mmusciàa le reti,

sartandu cu nu zzumpu te… ddo metri.

 

Gghè nna fuciddhra, nnù furgulu, nnù ientu …

nu ffaci tiempu ‘ccuardi lu pallone,

ca iddhru, ddhru ttre nziddhri te… Pauleddhru

à fattu rete, anzi… nnu “retone”!

 

Scummesse vinte, taulini e seggie all’aria,

corpi te troni, buttiìe te spumante,

tant’ore t’entusiasmu e d’allecria,

se torna cu ssè canta: “Italia mia”!

Gghè sempre iddhra, la squatra te Bearzottu,

ca senza sfarfallate e presunzione

gghè ddevantata Recina te pallone…

E lla Germania, pareddhra, ccì bbò faci,

dopu la Pulonia e llu Brasile,

è bbonu bba ssè mbatta ntrà nnu ‘mbile!

 

A qquai gghè festa. È propriu festa crande!

Ca ‘mmenzu lle sfilate e lle critate,

se canta cu bandiere e bbiccherate:

“Sì crande, Italia, sì crande puru moi,

stisa ‘ntrà l’Azzurru te li… Tòi!”.

 

LEGGI ANCHE  Elezioni amministrative: alle 22.00 di domenica, affluenza in aumento

Giuseppe Marzano


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •