Sangue salentino a Kabul: di Tiggiano uno dei sei morti

17 Settembre 2009 Off Di Pantaleo Gianfreda
Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Davide Ricchiuto, 26enne, è una delle vittime dell'attentato suicida in Afghanistan

Ancora un soldato salentino morto, nell’attacco suicida avvenuto oggi a Kabul alle 12,10 locali, ore 9,40 in Italia. La provincia di Lecce paga l’ennesimo, alto tributo di sangue nel clima di follia che attanaglia l’Afghanistan. Era di Tiggiano uno dei sei militari della Folgore che hanno perso la vita nell’attentato, rivendicato dai talebani. Si chiamava Davide Ricchiuto, il giovane primo caporal maggiore originario del piccolo comune della zona del Capo di Leuca che è rimasto ucciso sul colpo, insieme a cinque suoi colleghi del 186esimo Reggimento paracadutisti di stanza a Pisa, nell’esplosione di un’autobomba, una Toyota bianca, lanciata contro il primo dei mezzi del convoglio della Nato, un Lince, sulla via dell’aeroporto. Era nato a Glarus, in Svizzera, 26 anni fa, da una famiglia di emigranti salentini, poi rientrati in Italia. Appena appresa la notizia direttamente dal ministero della Difesa, attorno all’abitazione al civico 3 di via Genova, sono iniziati a confluire parenti e amici per stringersi attorno ai genitori. Tra i primi a raggiungere l'abitazione, il sindaco Ippazio Antonio Morciano.

Insieme a Ricchiuto hanno perso la vita il tenente Antonio Fortunato, 35enne di Lagonegro, il primo caporal maggiore Matteo Mureddu, 26enne, di Solarussa, in Sardegna, il sergente maggiore Roberto Valente, 37enne di Napoli, il primo caporal maggiore Gian Domenico Pistonami, 26enne di Orvieto ed primo caporal maggiore Massimiliano Randino, 33enne di Salerno. Ancora non si conosce l’identità dei quattro feriti. Le famiglie saranno avvisate in queste ore. Per ora è noto come quest’ultimi si trovassero a bordo del secondo mezzo, sul quale era presente anche una delle sei vittime. Le loro condizioni sono giudicate gravi, ma non sarebbero in pericolo di vita. Tre appargono al 186esimo reggimento dell'esercito e uno all'Aeronautica militare. Nell’impatto tra l’auto carica di esplosivo e condotta da due uomini, sono morti anche decine di civili. Oltre una cinquantina sarebbero i feriti.

LEGGI ANCHE  Per la seconda serata consecutiva il rione Bosco al buio totale: c’è un’Amministrazione in questo Comune?!?

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •