Danni allo storico pozzo e ad un cestino del Parco Castello: identificati e denunciati gli autori

Danni allo storico pozzo e ad un cestino del Parco Castello: identificati e denunciati gli autori

25 Gennaio 2024 Off Di Pantaleo Gianfreda
Spread the love

I danni provocati nella notte di San Silvestro allo storico pozzo del Parco Castello

Nella notte di San Silvestro, come si ricorderà, qualche irresponsabile pensò bene di “festeggiare” l’arrivo dell’anno nuovo con una bomba-carta posizionata e fatta esplodere sul bordo dell’antico pozzo del Castello Baronale, provocandone il danneggiamento con lo sbriciolamento di un pezzo del basamento in muratura (cliccare su articolo).

Grazie alle videocamere di sorveglianza e dopo le indagini condotte dalla Stazione dei Carabinieri in collaborazione con la Polizia Locale, è stato identificato l’autore del vandalico gesto, che ora sarà deferito all’Autorità Giudiziaria.

Individuato anche l’autore del vandalico gesto che il 7 gennaio, in occasione dello svolgimento di una gara podistica, si accanì con calci contro un cestino porta-rifiuti in metallo, posizionato nell’area retrostante il Castello, provocandone l’abbattimento.

Anche in questo caso, grazie all’impianto di videosorveglianza e alle indagini condotte dal Comando della Polizia Locale dopo il rilevamento dell’atto vandalico, il responsabile è stato identificato e deferito d’ufficio all’Autorità Giudiziaria per danneggiamento di bene pubblico.

Il cestino porta-rifiuti danneggiato il 7 gennaio

Si rileva, però, come evidenziato dalla foto, che a venti giorni dal gesto vandalico, l’Amministrazione non ha provveduto a ripristinate nella sua funzione il cestino porta-rifiuti, che ancora oggi giace sul prato.

LEGGI ANCHE  “Collepasso non sopporta più Menozzi e la sua Amministrazione”: volantino di “Unione per Collepasso”

Ci auguriamo che l’identificazione dei responsabili nell’uno e nell’altro caso, grazie al servizio di videosorveglianza, faccia desistere altri potenziali autori dal persistere in simili gesti vandalici.

Pantaleo Gianfreda


Spread the love
author avatar
Pantaleo Gianfreda