Breve storia della tradizionale “Cuccagna” a Collepasso

Breve storia della tradizionale “Cuccagna” a Collepasso

30 Aprile 2022 Off Di Giuseppe Marzano

Il 1° maggio, Festa del Lavoro, ritorna a Collepasso la “Cuccagna”, grazie all’iniziativa dell’associazione “Rioni Collepassesi Aps”. La manifestazione si terrà in piazza Nassririya (piazzale delle Poste), con inizio alle ore 17.30.

Ins. Marzano

Nell’occasione, l’ins. Giuseppe Marzano, che ringraziamo ancora per i suoi contributi storici e letterari, ha scritto una breve storia di questa antica tradizione nel nostro paese e una nuova poesia dialettale, “La Cuccagna”. (p.g.)

Il gioco della “Cuccagna”, a Collepasso, risale a molti anni fa, poi interrotto e ripreso.

La prima, primissima, “Cuccagna”, nel nostro paese si svolse per diversi anni (primi del secolo scorso) nei pressi della cosiddetta “Cappeddhra”, dedicata alla Madonna delle Grazie, al termine del raccolto delle messi, già lavorate su “quell’antica aia” (nota: la notizia mi è stata data molto tempo fa da una nipote del proprietario della Cappellina). Si organizzava una festa di devozione e ringraziamento al Signore e alla Madonna per il raccolto dell’annata, con una processione che partiva dal paese, recitando il Rosario, e giungendo fin là, dove il sacerdote, probabilmente, benediceva i campi e, poi, ci si divertiva con la Cuccagna.

Nella Cappella, di proprietà del sig. Leonardo Malerba, e oggi di un suo discendente, si conserva l’antico, pregevole dipinto della Madonna delle Grazie con Sant’Eligio e Sant’Antonio di Padova ai suoi piedi. La “Cappeddhra”, come noto, si trova in via P. di Piemonte, sulla strada per Maglie, all’esterno del nostro paese, e si può sicuramente visitare.

LEGGI ANCHE  In distribuzione il 3° numero del periodico “il Contestatore”

Successivamente la “Cuccagna” si svolse in paese in occasione della festa del Cristo Risorto, nei giorni di Pasquetta o nella domenica successiva alla Pasqua.

Negli anni ’50-’60 del secolo scorso, la “Cuccagna” si svolgeva in via Toselli dinanzi alla nicchia del Cristo Risorto, prospiciente l’abitazione del pavimentatore Cosimo De Pascalis, detto “Mesciu Cosi”, e di solito nel Lunedì dopo Pasqua. Vi partecipava molta gente per assistere, soprattutto, alla “Cuccagna”, regina della festa.

Nel 2008, ricordandomi, sia pure un po’ vagamente di quella festa, scrissi una rima dal titolo “Cristu Risortu e la Cuccagna”, che solo da poco ho riesumato dalle mie carte.

Vi ripropongo pochissimi versi (almeno per ora)

Mesciu Cosi nosciu,

me ricordu,

facìa nnaà festiceddhra

a llu Risortu,

‘nnanzi casa soa,

a llà nnicchiceddhra”.

“Nc’era nnà Cuccagna

tisa tisa,

erta…su nnù palu…”

“La festa, poi,

spicciava

tutta an glorria,

cu nnà beddhra,

colurata

sparatoria

G.M. 2008 (3 versi su 11)

C’è da ricordare, poi, che la “Cuccagna” si è svolta, per qualche anno, negli spazi della “Cornula” (piazza Malta), dove, in prossimità della “Chiazziceddhra”, vi era ampia partecipazione di persone.

L’albero della cuccagna (foto da torrevado.info)

Nel tempo, la “Cuccagna” si sarà svolta in paese in qualche sporadica, isolata occasione.

LEGGI ANCHE  Aido, Fidas, Csi e Anmi organizzano per il 1° maggio una gita sociale a Egnazia e Polignano a Mare

Ultimamente, ad iniziativa del C.T.G. (Centro Turistico Giovanile), da me presieduto, perché la bella tradizione non cadesse nella dimenticanza, o peggio ancora nel nulla, la “Cuccagna” si è svolta, con molto favore del pubblico, in piazza Regina Margherita, nei pressi della Cappella dell’Immacolata, dove veniva esposto il Cristo Risorto.

E qui, nella prima domenica dopo Pasqua, a volte il Lunedì di Pasquetta, si svolgeva una simpatica festicciuola con canti e musica a cura di Carlo Mandorino e del suo amico Donato Mastrogiovanni, culminante con la tradizionale, attesa, vivace, entusiasmante “Cuccagna”.

Mi fa piacere che ora la bella tradizione si stia riprendendo a cura dell’Associazione “Rioni Collepassesi” con il patrocinio del Comune, ai quali va tutto il mio apprezzamento e la mia ammirazione.

Giuseppe Marzano

La cuccagna

 

Nnù palu tisu tisu

mpizzatu forte an terra,

a n’angulu te via,

oppuru su llà chiazza,

te ‘mmoscia ccì nc’è mpisu,

a llu ertu, su llà mazza.

 

Stà mazza stisa all’aria,

te face cannaula,

cu tanta rroba ‘mpisa,

ca pare se ndé ula!

 

Eccu la Cuccagna

su nnù palu ‘mmurgarutu

a ddhrù nc’è casu friscu,

sardizza, murtatella…

e tanta addhra rrobba

ca pare ca spatterra.

 

È tosta la Cuccagna,

è tosta cu llà zzicchi,

pare nnà muntagna

ddhrù ‘nchiani

e ttè mpiastricci…

 

LEGGI ANCHE  La proposta dell’opposizione sull’accorpamento dell’Istituto Comprensivo

Te ‘mbrutuli cu la murga,

te inchi, poi, te crassu,

schattarisci ‘nterra,

comu nù poru fessa,

facendu nnù fracassu!

 

Cuardandu, poi, all’aria,

viti lu Pascalinu

nnanzi llà Cuccagna,

stà propriu, ddhrai, vicinu.

“Ecculu, stà ‘rria…

Stà rriam mò la zzicca”,

e lu Tunatu crita:

“’nchiana n’addhru picca!”…

“Pacalinu – crita forte lu Tunatu –

tanne n’addhra bbotta…

forza… ca sì rrivatu!”.

 

La gente ccuarda all’aria,

“’nchianandu su ddhru palu”,

cu l’ucca stampagnata,

cu l’occhiu cchiui te faru,

ritendu, sbudellata,

ritendu crita: “zziccala!

Ca forsi l’ha zziccata!”.

 

Lu pòru Pacalinu,

chimu te mirga an facce,

suta, sutandu forte,

cu l’occhi ‘mpiastricciati,

cate cu l’addhri an terra,

e s’hane stampagnati.

 

Ddhru furbu te Tunatu

Te lu ertu se li cuarda,

cuntentu, se la rite…

cu la Cuccagna a manu

scinde chianu chianu…

La ggente batte ‘e mane,

ritendu cu llù core…

E “bbrau, bbrau, Tunatu”

ndé tice cu parole!

 

Te ddhrà Cuccagna tosta,

ssempre, lu Tunatu,

sparte la rroba e rite:

“an gloria e cu salute,

tuttu gghé spicciatu!”.

Giuseppe Marzano

22 aprile 2022