“Semi d’anguria”, il bellissimo romanzo di Salvatore Tommasi a Collepasso (8 ottobre, Atrio Chiesa Cristo Re)

“Semi d’anguria”, il bellissimo romanzo di Salvatore Tommasi a Collepasso (8 ottobre, Atrio Chiesa Cristo Re)

30 Settembre 2021 Off Di Pantaleo Gianfreda
Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

“Semi d’anguria” è un recente e bellissimo romanzo, tratto da una storia vera, scritto dal carissimo e stimatissimo amico calimerese Salvatore Tommasi, che sarà presentato a Collepasso venerdì 8 ottobre, alle ore 19.00, nell’Atrio della Chiesa Cristo Re (in caso di maltempo, nel Salone Parrocchiale), su iniziativa dell’Associazione “Sentieri Salentini Aps”, in collaborazione con la Parrocchia “Cristo Re”.

Introduce e coordina l’incontro Pantaleo Gianfreda, Presidente di “Sentieri Salentini”.

Portano i loro saluti e apprezzamenti Don Antonio Tondi, Parroco della Chiesa “Cristo Re”; Maria Francesca Conte, Dirigente Scolastica Istituto Comprensivo Collepasso-Tuglie; Don Adelino Martella, Educatore, Scrittore, Parroco di Diso.

Maria Domenica Muci, docente di Maglie, dialogherà con l’autore Salvatore Tommasi.

L’autore, Salvatore Tommasi, e Maria Domenica Muci alla presentazione del libro a Galatone (31.8.21)

Come tributo e atto di stima verso l’Autore, alcuni brevi brani del romanzo saranno letti dai suoi amici (tutti ex seminaristi) Pippi Campa (Castrignano dei Greci), Pasquale Conte (Martano), Antonio Corina (Collepasso-Vernole), Pantaleo Gianfreda (Collepasso), Antonio Negro (Maglie), Pippi Ria (Collepasso), Salvatore Urso (Andrano-Casarano).

Sono previsti piacevoli intermezzi musicali a cura dei nostri apprezzati concittadini Emanuele Montagna e Daniela Malerba, che canteranno alcune canzoni degli anni ’50-’60.

Salvatore Tommasi, scrittore, poeta, linguista e massimo esponente del griko salentino, persona di grande cultura ed umiltà, è stato docente (oggi in pensione) di Filosofia e Scienze della formazione nella Scuola secondaria superiore. Si occupa da anni del recupero e della valorizzazione della lingua e della cultura greco-salentina, cui ha dedicato numerose pubblicazioni. Ultima, il portentoso e prezioso “Dizionario Griko”, presentato nel dicembre scorso presso il Comune di Calimera.

LEGGI ANCHE  Domenica 22 novembre, ore 9.00, piazza Dante, XXX Salento Half Marathon di km 21,097-VIII Trofeo “Memorial Vito Polimeno”

Tra i suoi lavori, la raccolta poetica “Le mie bandiere” (Firenze Libri, 1988), il romanzo “Sarakostì” (edizione Argo, 2019), la raccolta di racconti “I tesori della cassapanca” (Kurumuny, 2016), il profilo biografico e antologico di “Vito Domenico Palumbo. Letterato della Grecia Salentina” (Argo, 2018) e numerosi altri.

“Semi d’anguria” è il racconto romanzato di una storia vera che si svolge nel Dopoguerra in un piccolo centro salentino, Strudà (frazione di Vernole). Il contesto è quello del passaggio, non indolore per la popolazione, da un’economia di tradizione, legata al lavoro dei contadini e dei carbonai, a un’economia imprenditoriale. La storia narra di tre sorelle (Neve, Candida e Bianca), rimaste orfane sin da bambine, e dei sacrifici di una famiglia che ha perso prima il padre e poi la madre. Sulla base del racconto fatto personalmente da una delle sorelle (Umberta/Bianca Colella Tommasi), l’autore ha elaborato puntualmente la vicenda che, per i suoi risvolti sociali, è rappresentativa di un’epoca e di un territorio.

Sono gli anni Cinquanta, in un piccolo paese del Salento che sogna, attraverso l’impianto di una fabbrica tessile, lo sviluppo economico e il riscatto sociale. Due storie unite dall’ambigua figura di un industriale del Nord, assecondato da un prete maneggione e da politici incauti. A lui viene affidata, attraverso una cospicua elargizione di contributi statali, la prospettiva della rinascita postbellica in un territorio di ataviche povertà e diseguaglianze. A lui viene affidata anche la sorte delle tre bambine, la più piccola delle quali conta i giorni con i semi d’anguria.

LEGGI ANCHE  Omaggio al dott. Lucio Russo, neolaureato in Scienze storiche presso l’“Alma Mater Studiorum”

Come ha scritto Maria Domenica Muci, che dialogherà con l’autore, “Del mulinello della vita di Neve-Umberta e delle sue sorelle Candida e Bianca si è occupata la “penna amica” di Salvatore Tommasi. Penna esperta, discreta e raffinata che ha romanzato una storia vera, e anche drammatica, giungendo a un equilibrio perfetto tra la suggestione letteraria, il dramma personale e la realtà storico-sociale di una provincia salentina degli anni Cinquanta”.

Condivido totalmente… ho letto avidamente il romanzo, che mi sembra un vero capolavoro della letteratura italiana e meridionale.

Non mancate!

Pantaleo Gianfreda

 


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •