Report Asl Covid: 612 i “positivi” in provincia (+ 62), 9 a Collepasso (+ 2)

Report Asl Covid: 612 i “positivi” in provincia (+ 62), 9 a Collepasso (+ 2)

12 Novembre 2021 0 Di Pantaleo Gianfreda
Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Covid-19 and vaccination concept.

Si avvertono anche nel Salento gli effetti dell’incipiente “quarta ondata” dell’epidemia da Covid-19 che sembra investire l’intera Europa e la stessa Italia, che è, comunque, la Nazione che meglio sta reggendo.

L’ultimo monitoraggio a cura dell’Istituto Superiore di Sanità rende noto che è salita da 53 a 78 l’incidenza settimanale dei casi ogni 100mila abitanti che già la scorsa settimana aveva sfondato il primo livello di guardia di 50 contagi, sebbene i vaccini facciano ancora buon argine contro i ricoveri. Nessuna Regione, infatti, è al momento vicina alla fascia gialla.

In provincia di Lecce, secondo il settimanale Report sul Covid diffuso dall’Asl, i “positivi” sono oggi 612 e sono aumentati di 62 unità rispetto alla settimana precedente. Aumentano di due unità anche a Collepasso, dove sono attualmente 9.

Secondo l’epidemiologa Stefania Salmaso, “la quarta ondata è anche la pandemia dei non vaccinati. In Italia, poco più di 8 milioni di persone oltre gli 11 anni non sono immunizzati e altri 2 milioni e mezzo hanno ricevuto una sola dose”.

Il Governo sta correndo ai ripari ed ha previsto di allargare la platea di coloro che riceveranno la terza dose della vaccinazione anti-Covid: dal primo dicembre, infatti, potranno essere immunizzate anche le persone tra i 40 ed i 60 anni per le quali siano trascorsi sei mesi dal completamento del ciclo vaccinale primario con due dosi. Dopo i 17 milioni di vaccinati over 60 già invitati alla terza dose – finora l’hanno fatta in oltre due milioni -, il Governo dunque ha deciso di bruciare le tappe e, primo Paese in Europa (e non solo) ha aperto il nuovo round di vaccinazioni anche a tutti gli over 40 (per maggiori approfondimenti, cliccare e leggere su ilsole24ore.com).

LEGGI ANCHE  Il 10 febbraio ricorre il “Giorno del Ricordo”, in memoria delle vittime delle foibe

Vaccinarsi è, pertanto, il modo migliore per combattere la pandemia, oltre che un dovere morale verso noi stessi e gli altri.

Bisogna, pertanto, svolgere opera di persuasione nei confronti di chi non è ancora vaccinato e continuare a rispettare rigorosamente le prescrizioni previste (mascherina in luoghi chiusi e da portare sempre con sé all’aperto, divieto di assembramento, distanziamento tra persone, igiene delle mani, obbligo del green pass in ristoranti al chiuso, scuole, viaggi in treno o aereo, ecc.).

Per la lettura integrale dei dati provinciali cliccare su Report Asl 12.11.2021


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •