La “foto del giorno”: finalmente la rimozione dei vecchi e corrosi pali elettrici… ci spieghi Menozzi!

La “foto del giorno”: finalmente la rimozione dei vecchi e corrosi pali elettrici… ci spieghi Menozzi!

2 Novembre 2021 Off Di Pantaleo Gianfreda
Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Rimozione dei vecchi pali elettrici in via P. Piemonte

È un evento atteso da anni e va indubbiamente immortalato nella “foto del giorno”, una rubrica che ha ripetutamente denunciato, anche su segnalazione di tanti cittadini, il fenomeno dei pali corrosi e cadenti (talora caduti) del vecchio impianto elettrico comunale.

In questi giorni la nuova Amministrazione di Laura Manta sta provvedendo finalmente a far rimuovere i vecchi pali di via Principe di Piemonte e via Roma (ci attendiamo, però, che vengano rimossi tutti i vecchi e corrosi pali dell’abitato).

Un buon segnale di concretezza e, soprattutto, di rispetto di recenti e antichi contratti con la ditta concessionaria, che la precedente e decennale Amministrazione aveva “dimenticato” di far rispettare.

Il Financing project, che affida a privati tramite un’Associazione Temporanea di Imprese (Ati) la gestione della Pubblica Illuminazione, risale, infatti, al 2007 e prevedeva l’installazione di nuovi pali elettrici e la rimozione di quelli vecchi. In base al contratto di durata ventennale, la ditta appaltatrice, con il corrispettivo di un canone fisso annuale, doveva, infatti, assicurare la manutenzione ordinaria degli impianti, la messa in sicurezza degli stessi, la fornitura di energia elettrica necessaria, l’ampliamento di organi illuminanti su nuove strade, la sostituzione delle reti di pubblica illuminazione gestite da Enel Sole di via Bosco, via Roma e via Principe di Piemonte.

LEGGI ANCHE  Chiusura strade: Menozzi tenta disperatamente di salvare la faccia. Scrive alla Provincia e convoca il Consiglio

In uno dei numerosi articoli di denuncia della disastrosa situazione di tanti pali corrosi, scrivevo nell’ottobre 2017:

Anni fa, l’Amministrazione affidò la gestione della rete elettrica ad una società privata tramite project financing. L’appalto prevedeva che la società provvedesse alla sostituzione di tutte le lampade con altre a basso consumo energetico, la sostituzione e il rinnovo della palificazione e, in cambio, la gestione della rete, i cui introiti venivano da essa incamerati. La società doveva, naturalmente, procedere a togliere tutti i vecchi pali. Non so quanti anni siano passati… ma, incredibilmente, i vecchi pali sono ancora lì. Fanno “bella mostra” sulle due lunghe strade urbane che portano a Maglie (via Principe di Piemonte) e Parabita (via Roma), creando non pochi problemi ai pedoni e alla sicurezza stradale. Il “top” è rappresentato dalla situazione dell’incrocio tra via G. Tell e via Principe di Piemonte…” (cliccare su articolo).

Negli anni il contratto di concessione ha subito parziali modifiche e ulteriori aggiornamenti, sino alla deliberazione G.C. n. 199 del 21.11.2019, che ha previsto lavori supplementari e di miglioramento degli impianti ed ha modificato il contratto prolungandone la validità di altri nove anni “per consentire al concessionario di ammortizzare la spesa per gli investimenti necessari per i lavori complementari”.

Sono previsti, tra gli altri, “interventi per la sicurezza e ammodernamento degli impianti (eliminazione dei corpi illuminanti ENEL SOLE, sostituzione pali corrosi ecc.)…”.

LEGGI ANCHE  Il sindaco ospite del programma “Cose in Comune”

Gli stessi interventi erano, però, previsti nell’originario capitolato del 2007 con la sostituzione delle reti di pubblica illuminazione gestite da Enel Sole di via Bosco, via Roma e via Principe di Piemonte e l’eliminazione dei vecchi pali.

La ditta ha installato negli anni passati la nuova palificazione, ma non aveva mai provveduto sinora ad eliminare i vecchi pali, nonostante fosse previsto dal contratto 2007. Perché?!?

I cittadini sarebbero curiosi di sapere come mai la vecchia Amministrazione menozziana, nonostante ripetute denunce e sollecitazioni provenienti tramite questo sito, non abbia mai preteso in dieci anni che la ditta concessionaria procedesse all’eliminazione dei vecchi pali e che fine abbiano fatto le somme destinate a tale scopo. L’impegno non mantenuto (e mai sollecitato dall’Amministrazione Menozzi), reiterato dalla delibera G.C. 199/2019, sarebbe probabilmente rimasto anche stavolta “lettera morta” se qualche attento amministratore dell’attuale maggioranza non avesse rilevato l’“inghippo”.

I vecchi amministratori, l’ex sindaco Menozzi in testa, farebbero, pertanto, meglio a tacere, invece di “facebookkare” in merito. Spiegassero, piuttosto, come mai nel decennio non abbiano provveduto a far eliminare lo sconcio dei vecchi pali corrosi e cadenti e che fine abbiano fatto le somme all’uopo previste sin dal 2007.

La “dismissione dei vecchi pali” sarà “solo marginale (la voce di spesa è solo di euro 15.000,00)”, ha scritto il già fu sindaco in un goffo post sul suo profilo facebook… e per lui 15mila euro saranno pure “noccioline”, ma si tratta pur sempre di soldi della collettività!

LEGGI ANCHE  Giornata mondiale dei Lebbrosi: teatro con “Non è vero ma ci credo” di Peppino De Filippo (25 gennaio, ore 19.30, Auditorium Scuola Primaria)

Farebbe bene, piuttosto, Menozzi a spiegarci come mai quelle somme previste nella delibera di due anni fa e analoghe (o inferiori o superiori) previste nella delibera 2007 non siano state mai utilizzate sotto la sua sindacatura né mai abbia proceduto a far eliminare, come contrattualmente previsto dal 2007, quei vecchi e corrosi pali “accavallati” con i nuovi.

Trascuratezza, dimenticanza, disinteresse, superficialità… o altro?!?

Pantaleo Gianfreda


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •