“Cu llè Parme”, nuova poesia dialettale di Giuseppe Marzano

“Cu llè Parme”, nuova poesia dialettale di Giuseppe Marzano

29 Marzo 2021 0 Di Pantaleo Gianfreda
Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Pubblico con piacere una recente poesia dialettale dell’ins. Giuseppe Marzano, “Cu llè Palme”.

G. Marzano

Una poesia bella e piacevole, come nello stile e nell’opera del nostro “cantore vernacolare”, ma anche soffusa di riflessiva amarezza, soprattutto nella parte finale (“Usanna ndè cantara, ma topu quarche giurnu an Croce lu purtara!”).

La Domenica delle Palme, che ricorreva ieri, introduce alla Settimana Santa e all’imminente Domenica della Pasqua di Resurrezione, che anche quest’anno vivremo nelle restrizioni imposte dalla pandemia.

Ringrazio Pippi Marzano per quest’ulteriore lavoro.

Cu llè Parme

Gesù Cristu

Lu pijara,

mentru

te Gerusalemme

sta passava.

‘Nde ficera

tutti festa

e allicria

pe salutare

‘u Santu

su lla via.

Tutti

l’usannane

e l’onurane,

cu lle Parme ll’aria

‘ndè cantane:

“Usanna

Fiju te Tavite,

Usanna,

Retentore!

Nui

te ulimu

bbene

cu llu core”!

Cu cuperte

e tappeti

‘nterra

mmenzu a via,

tine

cloria e unore

tutti

a llu Missia.

E Iddhru

te sù

nnù ciucciareddhru

tutti bbeneticia…

c’era beddhru!

Usanna!

Clorria!

Usanna

ndè cantara,

ma topu

quarche giurnu

an Croce

lu purtara!

Giuseppe Marzano, 2021


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •