Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La preghiera di Anna: “Mio Signore, io non riesco a capire i tuoi disegni in questi giorni…”

Ad otto giorni dai tragici eventi che hanno portato all’orribile morte del padre Antonio e all’arresto del fratello Vittorio, Anna rompe il silenzio con un breve messaggio inviatomi dopo l’articolo di ieri.

Lo fa con una preghiera, breve e significativa.

Mio Signore, io non riesco a capire i tuoi disegni in questi giorni, non capisco perché hai scelto noi per ricordare la pesantezza del Golgota, dove le croci più pesanti non sono state le mie. Non capisco perché hai reso la mia mente cieca a qualunque soluzione, nonostante mi sforzassi tutti i giorni di trovarne una. Non so perché non hai illuminato mio fratello prima che mio padre scegliesse di sacrificarsi lui, quando tutti i nostri sforzi di fargli ritrovare la strada fallivano. Adesso che mio padre è nella tua luce, ti prego, ora che tutto si è compiuto, di illuminare la strada di quelli che si occupano di mio fratello, perché riescano a trovare la via che io, nonostante i miei sforzi, non sono riuscita a trovare”.

Pubblicato da il 6 Giugno 2019. Filed under Notizie flash. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. Both comments and pings are currently closed.

Un commento a La preghiera di Anna: “Mio Signore, io non riesco a capire i tuoi disegni in questi giorni…”

  1. rosalba malerba

    6 Giugno 2019 a 13:42

    Cara Anna,
    capisco il tuo dolore e vorrei poterti far sentire il calore di una vicinanza, anche se solo virtuale. Sono lontana, ma quello che è accaduto è arrivato forte e chiaro a tutti. A te è toccata la croce più pesante, non quella del sacrificio, ma quella del dolore per dei lutti così tragici. Se tuo padre è nella luce, tuo fratello è nella strada della rinascita. Tu devi avere la forza di dare un nuovo senso alla tua vita, che è quello di aiutare te stessa a vivere, accettando che tutto questo dolore si possa con il tempo sciogliere e diventare il ricordo di un’altra esistenza.

    rosalba