“Ecotassa, 74 Comuni vincono la battaglia”: la notizia non riguarda il Comune di Collepasso

22 Febbraio 2018 Off Di Pantaleo Gianfreda

Ecotassa, 74 Comuni vincono la battaglia”, titola stamattina “La Gazzetta del Mezzogiorno” ed altri giornali con riferimento alla positiva sentenza del TAR di Lecce depositata ieri, con la quale il Tribunale Amministrativo ha annullato i provvedimenti regionali accogliendo il ricorso proposto da 74 Comuni difesi dall’avv. Luigi Quinto.

La sentenza non riguarda il Comune di Collepasso.

Dopo la notizia riportata ieri dal Quotidiano sulla “stangata ecotassa” per 77 Comuni, ripresa anche da questo blog, un lettore scrive: “Caro Pantaleo su Lecceprima viene riportata invece la notizia opposta con il Tar che decide la restituzione di quella somma a 74 comuni della Provincia. Chi ha ragione?”.

Rispondo salomonicamente che entrambi i quotidiani riportano una notizia fondata.

Il ricorso dei 74 Comuni si riferisce, infatti, all’anno 2014, quando le rispettive Amministrazioni si opposero alla decisione della Regione di fissare l’ecotassa a 25,82 euro per ogni tonnellata di rifiuto conferito in discarica.  

Collepasso non rientra nei 74, poiché per gli anni 2014-15-16 il Comune già beneficiava della tariffa di 7,50 euro a tonnellata e non ritenne di sottoscrivere il ricorso. Ha, invece, presentato ricorso per l’anno 2017, in attesa di determinazioni da parte del Tribunale Amministrativo, poiché già per quell’anno ha pagato la tariffa massima di 25,82 euro, non avendo raggiunto l’obiettivo minimo del 40% di raccolta differenziata.

LEGGI ANCHE  Sabato 12 novembre, ore 20.00, Palazzo Baronale, “Collepasso incontra i campioni dello Sport: 1ª tappa Ciclismo”

La decisione del Tribunale Amministrativo rappresenta, comunque, una “boccata di ossigeno” per i Comuni, apre scenari nuovi e costringe la Regione ad accelerare le decisioni in materia, considerato che l’argomento è già in discussione nella competente Commissione del Consiglio regionale.

Rimane il problema della necessità che la Regione si doti di impianti di smaltimento tecnologicamente avanzati per il trattamento dei rifiuti e, al contempo, quello della raccolta differenziata che, purtroppo, non decolla ancora in molti Comuni.