La Gazzetta del Mezzogiorno: “Peculato: assolto il sindaco”

26 Ottobre 2017 Off Di Pantaleo Gianfreda

 

Paolo Menozzi

COLLEPASSO. Prosciolto con formula piena dall’accusa di peculato. Si chiude nell’udienza preliminare la vicenda giudiziaria in cui è rimasto coinvolto il sindaco di Collepasso Paolo Menozzi. Il primo cittadino era accusato di aver partecipato al funerale di un concittadino, deceduto in un grave incidente stradale, utilizzando un’auto di servizio. L’indagine è stata avviata dopo un esposto depositato in Procura dall’allora capo dell’opposizione Pantaleo Gianfreda, ai tempi rivale di Menozzi nella corsa alla poltrona di primo cittadino.

In sede di discussione, forte anche di una memoria difensiva, l’avvocato Walter Zappatore ha sostenuto che non si trattava di una visita privata ma istituzionale con cui il sindaco ha manifestato il proprio cordoglio ai parenti del defunto deceduto dopo un grave incidente stradale.

Fonte: La Gazzetta del Mezzogiorno, 26.10.2017

Di seguito anche un articolo del Quotidiano (cliccare per leggere bene)

Quotidiano, 26.10.2017

Posti scriptum

Si dice che “le sentenze si rispettano e non si commentano”. Rispetto, pertanto, la sentenza di un Giudice, che, tra l’altro, stimo molto e che ha ritenuto di non accogliere la richiesta di rinvio a giudizio avanzata dal Pubblico Ministero ed ha assolto Menozzi.

Diciamo pure che al sindaco stavolta “è andata bene” e non mi resta che congratularmi con lui.

LEGGI ANCHE  Sabato 31 maggio, ore 15.30, Largo Castello, “Be Home! L’oratorio come ‘casa’ della comunità”: 1^ Festa diocesana degli Oratori

Sulla stampa leggo anche alcune imprecisioni, ma, come si dice, sono gli “imprevisti” del mestiere (ad esempio, il mio esposto è del marzo 2015 e a quei “tempi” non ero “rivale di Menozzi nella corsa alla poltrona di primo cittadino” e la vicenda è più complessa di come è stata sommariamente presentata. Tra l’altro, l’esposto è stato depositato dopo oltre tre mesi da quella vicenda e si rese necessario solo dopo che il sindaco rispose in modo poco corretto e un po’ tracotante ad una mia interrogazione sulla questione).

Sono venuto, altresì, a conoscenza della sentenza solo dalla lettura dei giornali, nonostante avessi chiesto “di essere messo al corrente dell’instaurando procedimento”. Non sono stato mai “messo al corrente” della fissazione dell’udienza, la cui data ignoravo totalmente. Ma pare che la procedura abbia una sua legittimazione nella legge e, se è così, “dura lex sed lex”!

Non posso, però, tralasciare una piccola “postilla”: dopo quell’esposto, non ho avuto più notizia del sindaco Menozzi accompagnato dai Vigili con la macchina del Comune a dare le condoglianze… almeno qualche “piccolo” risultato è stato raggiunto!

Pantaleo Gianfreda

Per ulteriori approfondimenti sulla vicenda cliccare sui sottostanti link:

https://www.infocollepasso.it/2014/

https://www.infocollepasso.it/2015