Rifiuti, in ballo 107 milioni di euro con la nuova gara

25 Febbraio 2015 Off Di Pantaleo Gianfreda
Spread the love

I singoli Municipi non faranno più le “piccole” gare per conto loro ma ora esiste un “ambito” che riunisce più enti territoriali. Per ciascuna annualità la spesa in euro è stata così ripartita tra i singoli comuni: Nardò, 5.376.709; Alezio, 707.473; Aradeo, 1.005.136; Collepasso, 655.487; Galatone, 1.793.356; Neviano, 604.716; Sannicola, 889.699; Seclì, 201.748; Tuglie, 651.340.
Un altro passo avanti per ottimizzare la raccolta dei rifiuti urbani nei comuni di Nardò, Alezio, Aradeo, Collepasso, Galatone, Neviano, Sannicola, Seclì e Tuglie.
L’assemblea dell’Aro 6 (Ambito raccolta ottimale), composta dai rappresentanti dei suddetti comuni e presieduta dal sindaco di Nardò Marcello Risi, ha approvato il “Progetto per l’organizzazione dei servizi di spazzamento, raccolta e trasporto dei rifiuti solidi urbani”.
A breve, il responsabile dell’Ufficio Aro 6, Martire Imperiale, emanerà il bando per la gara d’appalto del servizio. Il progetto, redatto dagli ingegneri Giordano Carrozzo (capogruppo), Riccardo Bandello, Emanuele Borgia e Donato Zullino, prevede sensibili modifiche per la raccolta dei rifiuti domestici (con novità importanti per le marine di Nardò e Sannicola) che avverrà col metodo del “porta a porta”. Inoltre, avrà modalità comuni (salvo alcune eccezioni) per ogni Comune dell’Aro 6.
La spesa complessiva è di quasi 107 milioni di euro (esclusa Iva) per la durata di 9 anni. Pari, dunque, a 11 milioni 885mila euro per anno, ovviamente come base d’asta e pertanto soggetta a ribasso in fase di gara d’appalto ma anche di offerte migliorative del servizio.
Per ciascuna annualità la spesa in euro è stata così ripartita tra i singoli comuni: Nardò, 5.376.709; Alezio, 707.473; Aradeo, 1.005.136; Collepasso, 655.487; Galatone, 1.793.356; Neviano, 604.716; Sannicola, 889.699; Seclì, 201.748; Tuglie, 651.340.
I progettisti, per ottimizzare la gestione dei servizi di raccolta, sia dal punto di vista logistico-operativo, sia da quello economico, hanno previsto che l’organizzazione di alcune tipologie di raccolta avvenga per ambito territoriale e, quindi, con personale ed automezzi in condivisione tra tutti i Comuni dell’Aro 6.
Questi i “Servizi comuni”: raccolta porta a porta di sfalci e potature; raccolta differenziata Rup (rifiuti urbani pericolosi) e Raee (apparecchiature elettriche ed elettroniche) di piccole dimensioni; raccolta differenziata di beni durevoli, ingombranti e Raee; trasporto di rifiuti differenziati e logistica. Altra novità è la fornitura di ecobox ad uffici, scuole, associazioni e studi professionali mentre a tutte le utenze verranno consegnati specifici bidoncini.
Lo spazzamento delle strade urbane (ma anche viali, giardini, parchi) avverrà secondo un programma settimanale di lavoro proposto in fase di gara ed eventualmente rivisto e concordato con le Amministrazioni Comunali in fase esecutiva. Nelle marine verranno rimossi pure i rifiuti di spiagge e scogliere poste in prossimità di piazze e litoranee, per i primi 10 metri di profondità.
E’ anche previsto lo spazzamento meccanizzato, diversificato per singolo Comune ma con frequenza minima di una volta a settimana. Quanto ai mezzi da impiegare è prevista una gamma specifica e non solo per ogni tipo di raccolta ma anche per tipologia dei luoghi da servire.

LEGGI ANCHE  “Le lotte contadine nel Salento”. Testimonianze e documentario

Antonio De Matteis, La Gazzetta del Mezzogiorno


Spread the love
author avatar
Pantaleo Gianfreda