Un piano per le antenne e il monitoraggio ambientale

10 Giugno 2008 Off Di Pantaleo Gianfreda

Il Consiglio comunale ha approvato un coerente e trasparente Piano a tutela della salute dei cittadini. I consiglieri di opposizione speculano e manipolano la verità, facendo leva sulle ingiustificate paure di alcuni cittadini della zona “Campo”. I dati forniti dall’ARPA possono tranquillizzare la comunità di Collepasso.

E’ il massimo che un Comune può prevedere, è il top della pianificazione degli impianti di telecomunicazione di nuova generazione: eppure, qualche consigliere di opposizione, approfittando dell’ignoranza diffusa in materia e, soprattutto, delle recondite paure che certi argomenti creati ad arte riescono a provocare, è riuscito ad inculcare notizie false e prive di valore scientifico.

Mi riferisco al “Progetto di pianificazione impianti di telecomunicazione e della rete di monitoraggio ambientale”, elaborato da "Area sistema di Casarano e Comuni limitrofi" e approvato dalla maggioranza nel Consiglio comunale del 23 aprile scorso, con  i voti contrari della minoranza, dopo che i suoi rappresentanti si erano astenuti sull’argomento nella riunione della competente Commissione consiliare.

Il Piano è basato su un progetto predisposto da “Area sistema di Casarano e Comuni associati” ed è stato reso necessario per non permettere che nel settore prevalesse l’anarchia più assoluta e per tutelare la salute dei cittadini. La “legge Gasparri”, infatti, votata dal precedente governo Berlusconi, equipara i ripetitori di telefonia mobile alle opere di urbanizzazione primaria (come strade, acquedotto, fogna, luce, ecc) e, pertanto, la loro installazione può avvenire ovunque decidano gli stessi gestori.

LEGGI ANCHE  “Rondò Masseria Grande”: il caso va in Parlamento. L’on. Massa (Pd) presenta un’interrogazione al ministro delle Infrastrutture

Ma se i gestori installano i ripetitori su siti privati, chi tutela la salute dei cittadini, chi controlla il rispetto dei limiti dei “valori di campo” imposti dalla legge? Costringendo, invece, i gestori ad installare su siti pubblici – tramite un Piano, come ha fatto il Comune di Collepasso -, si può tranquillamente controllarne l’impatto sul territorio. Sia da parte delle strutture pubbliche, sia da parte degli stessi cittadini, i quali, in futuro, collegandosi al sito internet del Comune o di Area sistema, potranno controllare direttamente da casa i valori di campo, che, per legge, non possono superare certi indici. Grazie all’installazione di alcune centraline di monitoraggio permanente, che trasmettono in tempo reale i dati al sito internet e permettono di intervenire subito in caso di sforamento dei limiti di legge.

L’impatto di una delle antennine da installare è solo di 20 watt (20 candele). Meno di una comune lampadina di casa. Se si pensa che l’impatto delle antenne della collina è stato, finora, superiore di decine di migliaia di volte, ci sarebbe da rimanere sbalorditi per la leggerezza e la macroscopica incoerenza dei nostri novelli “ambientalisti”. Siccome le antenne più importanti appartengono a Mediaset e alla Rai, cioè a Berlusconi, a seguire certi contorti e assurdi ragionamenti, bisognerebbe affermare che tutte le malattie (compresi i tumori) che provenissero da quelle antenne sarebbero colpa di … Berlusconi?!?

LEGGI ANCHE  Un suggestivo video sulla masseria Stanzìe premiato in Serbia al festival internazionale Mefest

Ad essere coerenti, allora, i nostri consiglieri di opposizione dovrebbero andare a Palazzo Chigi ad incatenarsi e chiedere a Berlusconi di smantellare almeno le sue antenne. Lo faranno?!? Bah! Abbiamo sinora inutilmente atteso loro incatenamenti a Casarano o a Lecce… immaginiamoci se andranno a Roma, a turbare lo straricco, potente e plurimiliardario Silvio, tale (straricco e plurimiliardario) anche grazie a tutte le “malattie” che, secondo la logica dei nostri “neoambientalisti”, le sue antenne diffonderebbero a Collepasso, nel Salento, in Italia e nel mondo.

Va, infine, rilevato che le ripetute verifiche effettuate dall’ARPA Puglia (Agenzia regionale per la prevenzione e la protezione dell’ambiente), su richiesta dell’Amministrazione (l’ultima verifica è stata trasmessa il 28 maggio 2008), sui valori di campo elettrico nel Comune di Collepasso possono ampiamente tranquillizzare i cittadini. I limiti sono nella norma regionale, che prevede un campo elettrico massimo di 3 volt/metro, e nazionale, che prevede, invece, un campo elettrico massimo di 6 volt/metro. Solo in un terrazzo della zona C1 sono stati rilevati valori pari a 3.79 e 3.38 V/m. I residui valori, rilevati in tutto il territorio comunale, oscillano tra un minimo di 0.32 (Scuola elementare) e un massimo di 2.80 (Oasi) volt/metro.

I cittadini, pertanto, possono stare tranquilli.