“Febbraru a Culupazzu” del maestro Giuseppe Marzano… ricordando il Carnevale

“Febbraru a Culupazzu” del maestro Giuseppe Marzano… ricordando il Carnevale

23 Febbraio 2022 Off Di Pantaleo Gianfreda

Un’immagine del Carnevale 2000. A destra: l’ins. Marzano

Se ne va febbraio e con esso anche il Carnevale, che anche quest’anno sembra non esserci stato…

Per ricordare i tempi passati, che ci auguriamo tornino con gli antichi e spensierati carnevali già con il prossimo anno, riporto una poesia in vernacolo del 2006 del nostro “Sommo Poeta” dialettale, l’ins. Giuseppe Marzano, e un’altra degli anni ’20 inviate dallo stesso accompagnate da un breve pensiero: “Ed ora qualche mio ricordo…. dal titolo “Febbraru a Culupazzu”).

Già lo scorso anno l’ins. Marzano compose per il “fiaccu, scumpijatu Carnivale” 2021, che pare identico a quello presente, un’originale e bella poesia “Carnevale, oggi e ieri. Mascarine e Mascariate”, in cui rilevava con nostalgia e una certa amarezza gli allegri carnevali di pochi anni fa con “mascherate”, carri e variopinti personaggi e il triste carnevale “pandemico” del 2021 (e, purtroppo, anche di questo 2022) connotato dalle “mascherine” anticovid (cliccare su articolo).

Accontentiamoci anche quest’anno dei ricordi che la bella poesia dell’amico Pippi, che ringraziamo e al quale auguriamo buona salute per sé e la famiglia, ci riporta alla mente, sperando di ritornare l’anno prossimo spensierati ed allegri a festeggiare il Carnevale.

Febbraru a Culupazzu 

 

LEGGI ANCHE  “Delicanto”: saggio di fine anno scolastico

Te Febraru a Culupazzu,

lu Carniale

scia ‘mpaccendu

pe’ le chiazze

e pe’ le vie,

‘nnanzi rretu

scia fucendu….

 

‘ Ntra llè case

se bballava

cu crammofuni

all’antica,

scazzacandu

li vicini,

li parenti

cù l’amici,

cu sè scordane à fatica.

 

Le mascariate,

pè le vie,

se ‘ngiràne

lu paese,

poi, stracche,

se’ rripàne,

citte citte

‘ntrà llè case

te parenti

e de cumpari

cu sè fùttene

le spese.

Giuseppe Marzano 2006