1° aprile: antiche tradizioni “di casa nostra” con articolo e poesia di Giuseppe Marzano

1° aprile: antiche tradizioni “di casa nostra” con articolo e poesia di Giuseppe Marzano

1 Aprile 2022 Off Di Pantaleo Gianfreda

Piazza e Municipio di Collepasso in una foto degli anni ’50

Ins. G. Marzano

Pubblico con estremo piacere un interessante articolo dell’ins. Giuseppe Marzano e una sua poesia dialettale degli anni ’70 su alcuni “usi e costumi” del passato in occasione del 1° aprile… quando soprattutto giovani “donzelle” o nubili attardate attendevano con ansia di ricevere dal postino, quasi sempre con tassa a loro carico, qualche sgrammaticata letterina e/o disegno del “pesce d’aprile” con eloquenti cuoricini “trafitti” inviati in assoluto anonimato da parte di sconosciuti o ben conosciuti spasimanti o vocati e presunti tali.

Ringrazio ancora una volta il fecondo e prezioso amico Pippi per questi suoi contributi storici e poetici che ci riportano alle radici della nostra comunità e ci ricordano momenti del “tempo che fu”… (p.g.)

Quando ancora raramente si scrivevano lettere, e meno ancora poesie, dato un analfabetismo diffuso specialmente al Sud, per il primo aprile molti e molte si improvvisavano scadenti poeti e, forse, bravi disegnatori. Chi non sapeva leggere e scrivere si rivolgeva al maestro, alla maestra di scuola, a qualche studente o persona istruita.

Il motivo era quello di fare uno scherzo al fidanzato o fidanzata, o presunti tali, forse più per questo secondo aspetto.

Il più delle volte  si manifestavano sopite aspirazioni e molta curiosità. Chi è che scrive e chi non scrive? Si destavano sospetti e speranzose aspettative per un fidanzamento. Così, ragazzi e ragazze facevano pervenire sospirate lettere amorose sotto forma di scherzo in modo anonimo, ma facilmente comprensibile.

LEGGI ANCHE  Omicidio Collepasso: gip dice no ai domiciliari per il 48enne accusato di aver ucciso il padre dopo un litigio

Si disegnavano un  pesce e un cuore trafitto da una spada, in segno di spasimante innamoramento… Tutto, però, in  anonimato. Al pesce si aggiungevano versi poetici molto spesso scadenti e pieni di errori grammaticali. La lettera, di solito, giungeva priva di francobollo e quindi tassata. Il destinatario la prendeva con curiosità e con ansia in attesa che potesse giungere il desiderato amore. Tutto ciò era detto “scherzo del primo aprile”.

A volte lo scherzo poteva essere di genere e contenuti diversi, oggi difficilmente in uso.

Tempo fa scrissi una poesia dialettale a riguardo.

Giuseppe Marzano

Primu te Bbrile

 

T’intra ddhru mare fundu te lu core,

ca scunde li secreti te l’amore,

esse nnu pesce friscu e tuttu spine,

ca rriota la capu a le vicine.

 

Lu viti viu viu,

sia ca sta zzumpa,

ma tie nu ssai

ci te lu manda, ncora…

la zzita ca hai lassatu?

O, poi, la Ssunta?

La caruseddhra

ca scia cu lla

zzi Tora?

 

Pacata c’hai la tassa a llu pustieri,

apri tremulandu e ttanti tostu…

gghe pesce tisegnatu te n’artieri, te nu stutiente,

o te lu Tore nosciu?

 

Lu core sta caloppa a lu luntanu,

lu scrittu, quasi quasi è canusciutu…

gghe lu Vitucciu,

lu parabitanu?

O lu fiju te mesciu Benvinutu?

 

Li versi, poi, su propriu te li bboni,

cuntane t’Amore, cu lla rima,

è facile cu gghessa cchiui lu Ntoni te la Crazziella, la caddhripulina.

 

LEGGI ANCHE  “Nel Segno dell’Uomo”, Collettiva d’arte promossa da “Cantieri Ideali” dal 4 al 7 luglio

Cchiju ssotta, cu nnu  core ddisegnatu

cu nna scrizzione

ca nu sse capisce: nnu core, cci paccatu, trafuratu te na cuceddhra ca sta rrugginisce.

 

E lu pesce, ci va llu cuardi bbonu,

te mmoscia nnu bbijettu cu la scritta,

ca spompa, quasi quasi lu secretu,

ma tie nu poi cuntare

e te stai citta.

 

Quistu se facia

lu Primu Bbrile,

cu ope, cu pupiddhri e cu lutrini,

cusì, pe quarche scherzu cchiu civile,

senza ccacci sordi

e tte rruvini.