Buona Pasqua di “speranza”… con “Pasca stralunata” e scritti sulle tradizioni pasquali di G. Marzano

Buona Pasqua di “speranza”… con “Pasca stralunata” e scritti sulle tradizioni pasquali di G. Marzano

4 Aprile 2021 0 Di Pantaleo Gianfreda
Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Non perdere la speranza… nella stanchezza e nello sconforto, possiamo sempre ricominciare a camminare… percorrere vie nuove…”, è il senso del messaggio di Papa Francesco per questa Pasqua ancora flagellata dalla pandemia.

La ricorrenza religiosa della Resurrezione è, infatti, messaggio universale di speranza per l’umanità ancora flagellata da ingiustizie, diseguaglianze, guerre, fame e oggi anche da una pandemia che sembra non avere termine… ma passerà e risorgeremo!

Giuseppe Marzano

Chiusi nelle case con le nostre famiglie, ma con il cuore vicini ad ogni persona e, soprattutto, a coloro che sono vittime del virus… approfittiamone per gustarci questo nuovo componimento, “Pasca stralunata”, del nostro poeta vernacolare e cantore delle tradizioni popolari, l’ins. Giuseppe Marzano, che rievoca un antico detto contadino… “Nù trase Gesù Cristu a llù Sabburcu, ci nù face Quinta Tecima te Marzu, o fatta, o a fare!”.

Anche il suo è un messaggio di speranza perchè… “Puru ca è Pasca, stranulata pe’ lù “virus”, Gesù Cristu risorge su stù mundu…”.

Nell’augurargli buona Pasqua, ringrazio ancora una volta l’amico Pippi Marzano per i suoi belli e saggi componimenti dialettali, che ha deciso di “donare” e far gustare a tutti noi tramite questo blog, che raggiunge collepassesi vicini e anche lontani, ai quali, insieme con Pippi, auguro una serena giornata pasquale.

In calce alla poesia ho riportato anche un antico scritto dell’ins. Marzano, “Pasqua nella tradizione popolare”, pubblicato, in occasione della Pasqua 1998, su “Insieme”, il vecchio bollettino della Parrocchia “Cristo Re”.

Rievocare e rileggere le nostre tradizioni e le nostre radici ci rafforza nella speranza!

Buona Pasqua a tutte e a tutti!

Pantaleo Gianfreda

Pasca stralunata

 

“Alleluia, alleluia,

Pasca è noscia!”,

e puru

ca st’annu ’ncora

è stralunata,

sempre Pasca ete,

e… gghè turnata!

 

Gghè sempre Pasca…

propriu quiddhra stessa

t’ù “TITTERIU”[1]

te li “’Ntichi nosci”:

Nù trase Gesù Cristu

a llù Sabburcu,

ci nù face Quinta Tecima [2]

te Marzu,

o fatta, o a fare!

 

La Luna

face, certu, ’a parte soa,

te seculi e seculi

“ddhrai ’mpisa”,

c’ha llù scuru,

su ’sta terra

face luce,

a trasi… essi…

cu li “Quarti”

ca ne ’nduce!

 

E nù gghè certu

curpa te la Luna,

ci su ’sta Terra

’u Covite ’nfamante,

face stragge, face…

te ggente sprasamante!

 

Alla “Quinta Tecima

te Marzu”,

comu sempre,

Gesù Cristu

trase a llù Sabburcu,

ma ’llà Chesia,

comu mofallannu,

se vite, certu,

picca, picca ggente.

 

E le funziuni

te la “Samana Santa”

s’hane quasi perse,

o ssù ’ncurtute:

senza prucissioni,

senza canti

te la Passione santa

t’ù Signore,

e la Cena, alla meiu,

se face cu llù core!

 

E Cristu Mortu,

cu la ’Ndolurata,

senza ’a prucissione

cu llà Bbanda,

rumanane

allu chiusu

n’addhra fiata!

 

Nun c’è

pretache longhe

comu prima,

mancu

’a “Via Crucis”

a llà via,

cu lli Canti ‘ntichi

e… mè sia!

 

Nc’era “unu,

quiddhru mai scurdatu”,

ca tutti,

tutti a mente,

ìne ’mparatu:

 

Se il mio Signor diletto,

a morte hai condannato,

spiegami, almen, Pilato,

qual fosse il suo fallir.…”.

 

“Santu Lazzaru”

a llà via,

mancu nc’è statu,

ma lu Santommu

cu lu Stefanu,

a llù chiusu, pe’ tutti,

menu male, l’hane cantatu!

 

Puru ca è Pasca,

stranulata pe’ lù “virus”,

Gesù Cristu risorge su stù mundu…

e a tutti Pace tà,

Pace a tutti,

e all’umanità!

 

È festa, è festa crande

an Paratisu,

è festa puru a qquai

susu stù mundu…

 

è festa ’ntrà llù core te la ggente,

ca se lu sente tuttu tremulare…

“Cristu è risortu!”,

ha ’struttu lu paccatu,

Cristu cloriosu

gghè risuscitatu!

 

Giuseppe Marzano

31.03.2021

 

[1] TITTERIU: modo di dire.

[2] QUINTA TECIMA: Plenilunio.


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •