Proposta di cittadinanza onoraria ad Alma: i familiari chiedono di “non procedere” e “rispettoso silenzio”

Proposta di cittadinanza onoraria ad Alma: i familiari chiedono di “non procedere” e “rispettoso silenzio”

19 Novembre 2021 0 Di Pantaleo Gianfreda
Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Dedicato ad Alma/Adelina, “L’Angela che non riuscì a volare” (da lintelligente.it)

In merito alla proposta di assegnare la cittadinanza onoraria alla memoria di Alma Sejdini, avanzata dai consiglieri comunali Sabrina Perrone e Mario Vecchio, i genitori della coraggiosa e sfortunata donna hanno inviato in data odierna (19 novembre) una comunicazione al Sindaco.

I genitori, che scrivono “anche a nome degli altri familiari”, chiedono “di non procedere oltre con tale iniziativa, in quanto contrari alla spettacolarizzazione del dolore e ad osservare, per il futuro, un rispettoso silenzio in merito alla tragica vicenda che ci ha travolti, evitando strumentalizzazioni politiche”.

La comunicazione dei genitori di Alma al Sindaco

In una nota serale, inviatami da Bledi Sejdini, i familiari hanno voluto, però, fare “una opportuna precisazione”.

“La nostra famiglia – scrive Bledi -, pur apprezzando l’iniziativa dei consiglieri Vecchio e Perrone, ha ritenuto al momento di prendere una posizione di assoluta neutralità sulla vicenda di mia sorella. La decisione scaturisce da motivi di natura assolutamente privata e giustificata da motivi che per ovvie ragioni non intendiamo divulgare pubblicamente. La spettacolarizzazione del dolore non era in nessun modo riferito all’iniziativa intrapresa a Collepasso. Ringraziamo chi si è adoperato con sensibilità e siamo certi che comprenderanno la nostra decisione”.

LEGGI ANCHE  “Immigrazione: sfida e risorsa”: incontro dell’Azione Cattolica

Pur nel rispetto della decisione e del dolore dei familiari, è doveroso rilevare che il “caso Adelina” assume ogni giorno di più una dimensione nazionale a causa della rabbia e dello sdegno provocati nell’opinione pubblica, nelle associazioni di volontariato, tra le stesse forze sociali e politiche dalla tragica fine della donna.

Domani, sabato 20 novembre, alle 15.00, a Roma, presso il Ponte Garibaldi, si terrà una manifestazione organizzata dalle associazioni “Vittime di Violenza ‘Io No’”, “Donne Noi ci siamo”, “Iroko onlus” e molte altre, attiviste e volontarie per ricordare Adelina e “far sentire che lo Stato c’è ed è al fianco delle donne contro tutte le forme di violenza”.

L’Agenzia Adnkronos, nel comunicare la notizia, riporta anche le dichiarazioni della sen. Alessandra Maiorino (M5S), che sarà presente alla manifestazione e che l’11 novembre era intervenuta nell’Aula del Senato per ricordare la “guerriera” Alma/Adelina Sejdini (cliccare su iltempo.it/adnkronos).

Sul web e sui social continuano, intanto, note, commenti, lettere e persino canzoni su Alma/Adelina e la sua tragica vicenda.

Pantaleo Gianfreda


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •