Due ex calciatori collepassesi (T. De Simone e C. Marra), incontrano compagni di squadra degli anni ‘60

Due ex calciatori collepassesi (T. De Simone e C. Marra), incontrano compagni di squadra degli anni ‘60

9 Ottobre 2021 Off Di Giuseppe Lagna
Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La foto dell’incontro. Da sinistra: Carlo Marra, Cosi Niceta, Tommaso De Simone, Pippi Longo, Guido Lannocca, Francesco Reho

Qui si stanno narrando storie di un calcio “lontano lontano”, terreni di gioco in tufina (di sansa, quando andava bene), palloni di cuoio con dolorose cuciture da ammorbidire col grasso (pesantissimo, se intriso di pioggia e fanghiglia), pali delle porte a sezione quadrata spaccatesta o dita), litri di spirito canforato per i massaggi, la pilloletta rossa utile a “spezzare il fiato” appena scesi in campo, magre ricompense spesso in generi di conforto o cenetta in trattoria.

È accaduto che le “vecchie glorie” del calcio collepassese, Tommaso De Simone (classe 1945) e Carlo Marra (cl.1946), abbiano ricevuto un caloroso, inatteso invito a visitare il “vernissage” pittorico in un noto frantoio di Racale ,“Ritorno alle radici” (2-9 ottobre) del loro ex-portiere, Cosi Niceta (cl.1945), racalino, che vive da tempo a San Benedetto del Tronto.

Sono accorsi, senza indugio, anche Pippi Longo (cl. 1941) da Tuglie , il più anziano, ma anche il più loquace, insieme agli altri due racalini, Guido Lannocca (cl. 1947) e Francesco Reho (cl. 1945), recante una sua breve biografia, intitolata “I miei primi 30 anni nell’atletica leggera, nuoto e calcio”, che provvedo a scannerizzare negli uffici dell’opificio.

LEGGI ANCHE  “Niente al Sud! La secessione dei ricchi”, incontro a Neviano (8 marzo, ore 19) con lo scrittore e giornalista Pino Aprile

Dopo le foto di rito, il tempo scorre in fretta e la narrazione collettiva dei ricordi, vecchi di quasi sessant’anni, di goal fatti, subiti e “mangiati”, di traverse e pali che tradivano, “dribbling” e fallacci nella polvere, botte date e prese, sembra non aver fine.

In un Salento calcistico ancora senza osservatori e vivai, con il solo Lecce alla ribalta in serie C e fugaci apparizioni da citare di Maglie, Nardò e Casarano, questi ragazzi esprimevano una tecnica davvero ammirevole, da autodidatta (per intenderci), vista la lontananza dei campioni nazionali e internazionali, visibili in brevi filmati televisivi e sui giornali.

La rappresentativa provinciale di Terza categoria 1965 con Carlo Marra (terzo in piedi da sin.) e Tommaso De Simone (primo accosciato a sin.)

Appassionati allenatori e rari mecenati di paese andavano ad arricchire il territorio di piccole realtà nelle serie inferiori, al punto che nel maggio del 1965 De Simone e Marra (Stella del Colle), Guido Lannocca e Cosi Niceta (Us Racale), convocati nella Rappresentativa provinciale di Terza categoria, si aggiudicarono il titolo, battendo quella di Taranto, con un pareggio per 1 a 1 a Talsano, ma con un indiscutibile 4 a 0 nel match di ritorno a Tricase.

Nella stagione successiva Tommaso De Simone e Carlo Marra finirono in prestito al Racale nel frattempo promosso in Seconda, divenendo con Pippi Longo dal Tuglie strutture portanti in una Società dalle forti ambizioni.

La formazione del Racale in Seconda categoria con Carlo Marra e Tommaso De Simone (da sinistra, i primi due in piedi) e Pippi Longo (quarto in piedi da sinistra)

Il tempo tiranno s’è portate via due ore di intensa emozione e le nostre sei “vecchie glorie” (ma ancor giovani nello spirito, come si suol dire), si salutano con l’intenzione di ritrovarsi a giorni in un buon ristorante di Gallipoli.

LEGGI ANCHE  Progetto Cinema 2018: “L’ora legale” di Ficarra e Picone, giovedì 1° febbraio, ore 19.30, cinema Ariston

Giuseppe Lagna


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •