Corrieresalentino.it: “Don Antonio cuore giallorosso da Collepasso ad Oleggio”

Corrieresalentino.it: “Don Antonio cuore giallorosso da Collepasso ad Oleggio”

3 Ottobre 2021 0 Di Pantaleo Gianfreda
Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mentre sono ancora in corso le votazioni di queste particolari e “strane” elezioni amministrative collepassesi e siamo in attesa di conoscerne tra 24 ore i risultati definitivi, “gustiamoci” questo bel articolo, scritto da Pierandrea Fanigliulo che riguarda il nostro giovane parroco don Antonio Tondi (… tanti avrebbero voluto lui candidato sindaco… ma le norme canoniche non lo permettono!) e pubblicato oggi sul sito corrieresalentino.it, dal titolo (cliccare su) “Don Antonio cuore giallorosso da Collepasso ad Oleggio”.

Lo riporto integralmente

Don Antonio è nato a Galatina il 5 agosto del 1989 e dal 12 settembre del 2020 è parroco della parrocchia Cristo Re di Collepasso nominato dal Vescovo di Otranto il Monsignor Donato Greco.

Persona carismatica, straordinariamente umile e sempre disponibile con tutti. Per la sua giovane età ha saputo raccogliere intorno a sé generazioni varie; ascoltare le sue omelie sono motivo di gioia e orgoglio per ogni fedele. Un giovane sacerdote che ha saputo far riscoprire e a far ricredere i veri valori della Chiesa. Don Antonio è molto attivo anche sul fronte Associazionismo, con alcune di esse ne fa attivamente parte tra cui Fidas e Aido. È stato testimonial per alcune campagne di sensibilizzazione promuovendo la donazione del sangue e degli organi.

Da sempre amante del calcio, praticato per diletto, tifa Lecce portando nel cuore i colori giallorossi che sconfinano sino in Piemonte e precisamente in quel di Oleggio dove è situato il Lecce Club intitolato all’attuale Presidente Saverio Sticchi Damiani e del quale Don Antonio è un virtuale socio.

“L’intera comunità di Collepasso augura tanta forza salute e gioia lungo il cammino di Don Antonio di fede ecclesiale”.


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •