28 febbraio, Giornata mondiale delle Malattie rare

28 febbraio, Giornata mondiale delle Malattie rare

28 Febbraio 2021 Off Di Pantaleo Gianfreda
Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il 29 febbraio, il giorno più raro che “arriva” ogni quattro anni, si celebra in tutto il mondo la Giornata mondiale delle Malattie rare.

La giornata, quando non è anno bisestile, si celebra il 28 febbraio.

Nell’occasione, il ministro della Salute, Roberto Speranza ha ricordato: “Ci sono battaglie che riguardano tutti anche se sono in pochi a doverle affrontare. La pandemia ha acceso i riflettori sul ruolo imprescindibile della ricerca, perché comprendere e lottare contro ogni tipo di malattia, anche se rara, è nell’interesse della collettività. Questa è la sfida del Servizio Sanitario Nazionale nella tutela della salute come diritto fondamentale”.

Per “illuminare” sul significato della Giornata, è stata promossa l’iniziativa “Accendiamo le luci sulle malattie rare”: i monumenti più rappresentativi di diverse città italiane si illuminano per attirare l’attenzione dell’opinione pubblica sulle problematiche di chi vive con una malattia rara. L’Istituto Superiore di Sanità, insieme ad altri 80 monumenti italiani (e moltissimi altri nel mondo), sarà illuminato con i colori delle malattie rare.

A coordinare le diverse iniziative in programma in Italia è la onlus “UNIAMO FIMR” onlus in qualità di co-creatore della Giornata, promossa a livello internazionale da EURORDIS (Rare Disease Europe).

Anche il Comune di Collepasso ha aderito alla Giornata delle Malattie rare ed ha “illuminato” il Palazzo municipale e il Castello baronale.

In Europa una malattia si definisce rara quando colpisce non più di 5 individui ogni 10mila persone. Si conoscono tra le 6mila e le 8mila malattie rare, molto diverse tra loro ma spesso con comuni problemi di ritardo nella diagnosi, mancanza di una cura, carico assistenziale.

Per ulteriori notizie e approfondimenti, cliccare su malattierare.gov.it


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •