Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Gino Barba, gallipolino generoso e verace, poeta e cartapestaio

Pupi in cartapesta su Corso Roma a Gallipoli

Mentre a Gallipoli fervono i preparativi nella sfida tra quartieri per realizzare i pupi-fantoccio in cartapesta, che rappresentano l’anno vecchio e che verranno fatti “scoppiare e bruciare” in questa notte di San Silvestro, il mio pensiero va ad un caro amico gallipolino, oggi lontano dalla sua città, ma con il cuore sempre vicino.

Alcuni attuali 30-40enni collepassesi forse ricorderanno quei bei corsi per la lavorazione della cartapesta organizzati un paio di decenni fa dall’Amministrazione del sindaco Malorgio, di cui fui per pochi mesi assessore alla Cultura, da me promossi grazie alla disponibilità e alla collaborazione di un “lavoratore socialmente utile” gallipolino, Gino Barba, che era stato assegnato al Comune di Collepasso insieme ad altri lavoratori LSU, tra i quali anche il parabitano Giuseppe Piccinno, marito dell’insegnante collepassese Rosanna Bray e cognato di Rodolfo. I corsi si tenevano presso la Biblioteca comunale, in quell’epoca ubicata in un immobile di via Dabormida, all’angolo con via Roma.

Gino, sempre generoso e disponibile, pur non essendo tra le sue mansioni, mise al servizio del Comune e della comunità la sua abilità di artista cartapestaio per insegnare ai ragazzi l’arte della cartapesta, “aiutato” anche da Giuseppe Piccinno. Non so se qualcuno se ne ricorda… ma dopo tanti anni Gino merita ancora un pubblico ringraziamento per la sua disponibilità e generosità e la sua passione artistica.

Il grande Pupo in cartapesta che sarà bruciato in piazza Stazione la sera di Capodanno a Gallipoli

Oltre che appassionato della tradizionale arte gallipolina della cartapesta, Gino è stato sempre cultore e autore di poesie e strofe dialettali, spesso composte nello stile di un “trilussa gaddrhipulinu” ironico e sarcastico, fustigatore di costumi e “pose”, ma anche molto sensibile, da cui traspare l’amore, nostalgico e talora irriverente, per la sua bella città.

Per fare omaggio ad un amico (ma anche ai tanti lettori di questo blog) e ricordarlo a quei ragazzi collepassesi (e non solo) che ne furono allievi, pubblico di seguito alcune sue poesie dialettali (a suo tempo me ne dedicò alcune, che non pubblico per pudore, di cui lo ringrazio ancora per le belle parole che mi “poetò”), augurando a Gino, alla sua famiglia e a tutti un buon anno 2018.

LU PAESE TE LA CUCCAGNA

Lu paese te la cuccagna….

futti futti e magna magna…..

Cci gghe bellu stu paese

ca te pachi ogni mese,

tuttu e’ bonu….tuttu stagna…futti futti….magna magna;

Tutte le sere e le matine,

vacabondi e concubine,

ci ole campa onestamente

cujunatu te la gente.

Ttocca te suchi sta castagna a lu paese te la cuccagna,

futti futti….e magna magna.

 

CADDRIPULI E’ MORTU

Aggiu ntisu nu rantulu te morte,

aggiu vistu le stelle catire,

su banuti a cungreca li pisci

‘ppe bitire lu vecchiu murire.

Litanie te sirene, chianti te truffinu….

caddripuli è mortu….

Tane ccisu….timu ccisu…taggiu ccisu.

Iancu patriarca bbandunatu

su dru jettu te sale cu lu core squaratu

chinu t’erba te mare.

 

TORMI CADDRIPULI TORMI

La ventre save chinu ste sta paja

lu “Ciucciu” stae quetu e nu nci rraja…..

Lu jancu te le curti…lu ndore te lu mare

nu te nde inche ventre, se pote continuare?

Tormi caddripuli tormi!!!!!

 

NA VARCA SENZA RIME

Na varca senza rime ……

….divantasti…….

Caddripuli …..rrubbata….

….Caddripuli sfuttuta…..

….Caddripuli bbandunata!!!

…Eri l’esempiu te la simpatia

…te tuttu lu Salentu…

…..la Signuria…;

Mo pe sti quattru fessa

chiui nu mbalisti…..

mo pe sti quattru nfami…

l’onore te vindisti!!!!

Li cuai li taniene…..

ma mo su dde quiddri seri……

te quando sti cantri

ddivantara bbicchieri!!!

Speriamu allu Signore

ccu nde li porta mprima…

e l’addri ci ane te scire….

prima te crammatina;

Na varca senza rime….

…ddivantasti .

 

L’URTIMU TRAMONTU

Lu sole se nd’e’ scisu all’orizzonte…….

sane chiuse tutte le porte…..

na campana sona te luntanu……

ciujeddri risponde a stu richiamu!!!!

N’unda se schianta su nu scoju…..

lu mare e’ divantatu oju……

nu nc’e’ n’alitu te jentu……

sentu sulu nu lamentu!!!

Ninenzi steddre n’celu

friddu e gelu…..;

La luna nnargiantata….

s’a stutata….

su spariti li culuri

ane siccatu tutti li fiuri!!!

Addru stae ddra musica serena??

….ddr’eterna cantilena…..

ca prima me ddurmiscia….

mo sta me mbilena;

E’ rrivatu lu momentu!!!

crammatina all’alba se spiccia stu “turmentu”???

Gino Barba

Pubblicato da il 31 Dicembre 2017. Filed under Notizie flash. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. Both comments and pings are currently closed.

Un commento a Gino Barba, gallipolino generoso e verace, poeta e cartapestaio

  1. RODOLFO

    1 Gennaio 2018 a 22:17

    TI RINGRAZIO PER AVER RICORDATO UN CARISSIMO AMICO COME GINO ANCHE LUI SI RICORDA DI TE E RICAMBIA I SALUTI APPROFITTO PER AUGURARE A TE FAMIGLIA UN FELICE 2018