I Vescovi pugliesi a Roma per la visita “ad limina Apostolorum” incontrano Papa Francesco

I Vescovi pugliesi a Roma per la visita “ad limina Apostolorum” incontrano Papa Francesco

18 Aprile 2024 Off Di Pantaleo Gianfreda
Spread the love

L’incontro dei vescovi pugliesi con Papa Francesco. A destra, in primo piano, Don Giuseppe Mengoli, Vescovo di San Severo, e Padre Francesco Neri, Arcivescovo di Otranto

Si svolge dal 15 al 19 aprile a Roma la visita “ad limina Apostolorum” dei Vescovi delle Diocesi pugliesi, un importante appuntamento previsto ogni cinque anni che si articola in tre momenti principali: il pellegrinaggio ai sepolcri degli Apostoli Pietro e Paolo, gli incontri con i responsabili dei singoli Dicasteri della Curia Romana e l’incontro con il Pontefice.

A Roma anche i “nostri” vescovi Don Giuseppe Mengoli, Vescovo di San Severo, e Padre Francesco Neri, Arcivescovo di Otranto.

Proprio oggi i vescovi pugliesi hanno avuto l’incontro con Papa Francesco.

L’udienza è durata un’ora e mezza e, secondo quanto riporta la pagina facebook dell’Arcidiocesi di Otranto, “Il Santo Padre ha raccomandato ai Vescovi affabilità e fermezza nel portare avanti il loro compito.
Vari i temi affrontati durante l’udienza inerenti la Puglia e la Chiesa, un colloquio con domande e risposte sul sinodo, sulla formazione dei seminaristi, sulla cura del clero e sulla società civile”.

Due momenti dell’odierna udienza di Papa Francesco ai vescovi pugliesi

La pratica delle visite “ad limina” affonda le sue radici nei primi secoli della Chiesa e simboleggia il legame tra i vescovi di tutto il mondo e il vescovo di Roma.

LEGGI ANCHE  La “foto del giorno”: il “tracimante” verde del campo sportivo

Secondo quanto riporta il sito del Vaticano, da cui riprendo le note che seguono, la visita «ad limina» non può essere intesa come un semplice atto giuridico-amministrativo, consistente nell’assolvimento di un obbligo rituale, protocollare e giuridico.

Nella legislazione canonica stessa che la prescrive (C.I.C., can. 400) sono chiaramente indicati i due scopi essenziali di tale visita:

a) venerare i sepolcri dei Ss. Apostoli Pietro e Paolo;

b) incontrarsi con il Successore di Pietro, il Vescovo di Roma.

La venerazione ed il pellegrinaggio ai «trofei» degli Apostoli Pietro e Paolo sono praticati fin dalla remota antichità cristiana e conservano il loro profondo significato spirituale e di comunione ecclesiale; per questo sono stati istituzionalizzati proprio per i Vescovi.

Esprimono, infatti, l’unità della Chiesa, fondata dal Signore sugli Apostoli ed edificata sul beato Pietro loro capo, con Gesù Cristo stesso come pietra maestra angolare e il suo «evangelo» di salvezza per tutti gli uomini.

L’incontro con il Successore di Pietro, primo custode del deposito di verità trasmesso dagli Apostoli, tende a rinsaldare l’unità nella stessa fede, speranza e carità, e a far conoscere ed apprezzare l’immenso patrimonio di valori spirituali e morali che tutta la Chiesa, in comunione col Vescovo di Roma, ha diffuso in tutto il mondo. Le modalità e la frequenza dell’incontro col Papa possono variare e sono variate nei secoli; ma il significato essenziale rimane sempre lo stesso.

LEGGI ANCHE  #CittàCardioProtetta: le goffe manipolazioni menozziane e il giovane e corretto assessore di Parabita

La presenza dei Vescovi pugliesi a Roma per la visita “ad limina” avrà termine, dopo l’odierno incontro con Papa Francesco, nella giornata di domani 19 aprile.


Spread the love
author avatar
Pantaleo Gianfreda