Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Cadevano “lacrime” dal Cielo quando don Oronzo si è avviato verso l’ultimo viaggio…

Cadevano “lacrime” dal cielo quando il feretro di don Oronzo, portato sulle religiose spalle di quattro suoi confratelli, ha lasciato, dopo la cerimonia funebre, i piedi dell’abside della Chiesa Madre per l’ultimo viaggio sotto la pioggia.

È stato un religioso e augurale “a Dio!” … un saluto e un messaggio corali … un “arrivederci” di fronte a Dio (cosa altro significa, infatti, “addio”?!?), al cui cospetto crediamo o speriamo di rivederci un giorno tutti insieme, felici e beati.

Nonostante il brutto tempo, la Chiesa era gremita di fedeli (tanti rimasti all’esterno) per tributare l’ultimo saluto all’ancor giovane parroco prematuramente scomparso ed ascoltare la S. Messa in suo suffragio celebrata dall’arcivescovo mons. Donato Negro e concelebrata da tanti suoi confratelli sacerdoti e diaconi della diocesi… dai collepassesi don Giuseppe Mengoli, vicario del Vescovo, l’emerito arciprete e predecessore nella Matrice don Celestino Tedesco, il parroco e successore della Cristo Re don Antonio Russo, il diacono Salvatore Marra… sino ai tanti confratelli (40 e forse più) giunti da ogni angolo della diocesi per pregare, celebrare e accompagnare don Oronzo sino al cospetto dell’Altissimo… dove, “dal Paradiso”, come ha detto il Vescovo, “egli continua a vegliare sulla sua comunità parrocchiale”.

La Chiesa gremita di fedeli dolenti e oranti e le foto che documentano la partecipata cerimonia funebre sono la testimonianza più evidente della stima e dell’affetto che circondavano don Oronzo.

Alla fine della cerimonia, il sindaco Paolo Menozzi ha rivolto il saluto estremo dell’intera comunità al parroco scomparso. Sono seguiti l’estremo saluto della comunità parrocchiale da parte del diacono Salvatore Marra, “anima” e “regista” impeccabile dell’intera cerimonia, e l’omaggio finale dello stesso vescovo mons. Donato Negro, che ha attivato il fragoroso applauso di saluto al parroco da parte di tutti i presenti.

Agli albori di questo terzo millennio, se ne va con don Oronzo un altro sacerdote collepasse dopo la scomparsa di altri tre sacerdoti di origine collepassese (don Grazio Gianfreda, don Marco Guido e don Quintino Gianfreda), già in pensione al termine delle loro attività pastorali.

Don Oronzo non ha fatto in tempo a riposare, “godersi” la meritata pensione e il frutto delle sue buone opere. Egli è scomparso nel pieno delle forze e della sua opera pastorale e parrocchiale… forse il primo parroco nella storia della Parrocchia dell’attuale Chiesa Matrice a “cadere in trincea”… data l’età, lo attendeva ancora un lungo cammino insieme alla sua comunità! L’Altissimo, nei suoi imperscrutabili disegni, lo ha voluto a Sé anzitempo… anche per questo il ricordo di don Oronzo rimarrà forte ed indelebile nella memoria e nella storia dell’intera comunità.

Come rimarrà l’immagine del suo bel sorriso, stampato in manifesti e ricordini, “ondeggiante” in questi giorni nel vasto mare dei social, che immortalai (insieme a quello dell’altro neoparroco don Antonio) in quella ormai lontana sera del 23 agosto 2013, quand’egli si insediò come “arciprete” della Chiesa Matrice… solo per pochi anni, purtroppo!

Quel sorriso racchiude in sé tutta la sua bella persona e ci ricorderà per sempre la sua apertura, la sua disponibilità verso tutti e la sua meritoria opera di pastore!

Grazie di tutto, don Oronzo… Ciao e “a Dio”!

Pantaleo Gianfreda

Post scriptum

In mattinata mi ha chiamato un giornalista della redazione di Bari del quotidiano “la Repubblica” per chiedermi l’autorizzazione, che ho subito dato, per utilizzare notizie e foto di questo sito per un articolo che uscirà domani o dopodomani. Di don Oronzo parlerà anche un giornale nazionale… attendiamo con trepidazione la pubblicazione dell’articolo!

 

Pubblicato da il 5 Dicembre 2019. Filed under Cronaca. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. Both comments and pings are currently closed.

4 commenti a Cadevano “lacrime” dal Cielo quando don Oronzo si è avviato verso l’ultimo viaggio…

  1. Domenico

    6 Dicembre 2019 a 21:20

    “Per me odioso, come le porte dell’Ade, è l’uomo che occulta una cosa nel suo seno e ne dice un’altra”
    OMERO.

  2. ANGELO DE PADOVA

    6 Dicembre 2019 a 14:13

    una preghiera per don Oronzo dall’Albania, sempre molto gentile e accogliente nei miei confronti.

  3. Luana Mangia

    6 Dicembre 2019 a 09:54

    La tua umiltà, la tua timidezza, la tua semplicità avvicinavano il tuo cuore alla gente.
    Quante passeggiate su quella villa comunale in attesa dell’apertura dei cancelli del liceo. Quante condivisioni di progetti per la vita ancora tutta da scrivere.
    Ti porterò nel cuore caro “don Oronzo” dove tu sei rimasto in tutti questi anni.
    Soave, lieve, senza inportunare, ma sempre presente in questo nostro caduco cammino che tu purtroppo hai finito troppo presto.
    Le persone più ammirevoli sono care a Dio… perciò le vuole al suo cospetto strappandole al mondo sempre troppo presto.
    Buon viaggio caro amico di scuola!

  4. Giovanni

    6 Dicembre 2019 a 00:47

    Resterà anche nella memoria dei parrocchiani dell’Immacolata in Maglie! Riposa in Pace nelle braccia degli Angeli don Oronzo!