Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

“Carnevale, oggi e ieri. Mascarine e Mascariate”, nuovo poema dialettale di Giuseppe Marzano per questo “fiaccu, scumpijatu Carnivale” 2021

A.S. 1971-72, piazza Dante: la scuola elementare partecipa al Carnevale Collepassese

Tra pochi giorni, il 17 febbraio “Mercoledì delle Ceneri”, termina il Carnevale.

Siamo in pieno periodo carnevalesco, ma nessuno se ne accorge, nessuno festeggia, nessuna maschera carnevalesca si vede in giro… al più, tante “mascarine ianche, o a cchiù culori, nù pe’ fare festa e allicria, ma pe’ scanzare ’a trista “malatia…. Gghé Carnivale spurriu, senza presciu… te ggiurnu a ggiurnu va te male an pesciu! Speriamu primu e urtimu t’à storia!”.

5-7 Febbr. 1989, 4° Carnevale Collepassese: Scuola, 1° premio Carri

Ancora una volta il nostro “aedo” popolare ins. Giuseppe Marzano, cantore della Collepasso di ieri e di oggi, ci delizia e “appaga” piacevolmente e, al contempo, ci “istruisce” e fa riflettere con la sua tradizionale e professionale arte di vissuto pedagogista.

Carnevale, oggi e ieri. Mascarine e Mascariate” è il titolo che l’ins. Marzano ha voluto dare al suo nuovo poema dialettale in questo “fiaccu, scumpijatu Carnivale” 2021. Una composizione che spazia nel tempo, tra la triste cronaca odierna e i “bei tempi che furono”, in linea, oserei dire, con la tipica tradizione popolare dei “cantastorie” meridionali, vere “enciclopedie viventi”, come lo è l’amico Pippi, di certa etnoantropologia poetica e musicale del nostro Sud e, nello specifico, della nostra Collepasso.

In questa composizione, infatti, c’è il triste presente… ma ci sono, anche e soprattutto, i ricordi dei felici tempi carnevaleschi passati… “A llù Quaranta, a llù Cinquanta… e puru cchiui te lu seculu passatu” quando “a stù paese, se facìa ’u Carnivale ’ntrà llè case, cu “festinie… “crammofunu”, alla bbona, …senza spese!”… e poi, il ricordo di quella strana banda… “nnà Bbanda scuncertata, cu note ’nturtijate, nnanzirretu, te maestru Giacuminu, cumandata… Era… ’u Giacuminu “Mandurinu”, crande artista, te mosse, te muìne, te bbacchetta, “cciafferra” te Ton Carlu, ’u “signurinu”!”.

… e poi i ricordi di antichi Carnevali scolastici, quando l’ins. Marzano, giovane e attivo coordinatore della locale Scuola elementare, coinvolgeva insegnanti, ragazzi, famiglie, associazioni, amministratori e cittadini e organizzava quelle indimenticabili manifestazioni carnevalesche con ““sfilate” à menzu ’a via pe’ dare a tutti, propriu a tutti, l’allicrìa!”…

Sopra e sotto: Febbraio-Marzo 2000, Carnevale Collepassese, Centro Turistico Giovanile “Ragazzi in scatola” (le foto sono state gentilmente concesse dall’ins. Marzano). N.B.: Cliccare sulle foto per vedere bene

… ma mi fermo qui per non togliervi il piacere intenso di gustare questo nuovo componimento, che rappresenta anche un “pezzo di storia” della nostra comunità, uno “spaccato” del nostro paese in anni lontani della seconda metà del secolo scorso rievocati e “cantati” da un apprezzato e stimato poeta vernacolare, così attivo ed entusiasta, che rappresenta una preziosa “enciclopedia vivente” per la nostra comunità.

L’amico Pippi mi perdonerà se mi permetto di riportare significativi stralci di una sua nota personale inviatami “ad accompagnamento” della nuova poesia.

Caro Pantaleo, a ciò che scrivo adesso, con più assiduità, sto avendo la voglia di rivedere il mio modesto archivio di scritti e poesie che, nel tempo, ho avuto modo di realizzare. Sarebbe, forse, opportuno che nel tuo nuovo sito inserissi anche l’angolo dei “Proverbi” (anche dialettali) che io conosco e dei “vocaboli desueti”, a volte molto belli e densi di significato, oltre che piacevoli all’orecchio. A me piacciono molto. Che belli! Es. “spicuddhru”, “’zzamparu”, “cazzapuddhrina”, “purfitiusu”, “…ssamija a quiddhre te Lecce”… etc. Mi entusiasmo!”.

Febbraio 1990, piazza Dante, 5° Carnevale Collepassese organizzato dal Circolo Cacciatori (foto archivio ins. Marzano). Sotto: un Carnevale dei primi anni ’70 con il sindaco Pippi Errico e l’ins. Marzano, vestito da Zorro (foto da archivio Armenia Cadura)

…ecco… in quel “mi entusiasmo!” c’è tutta la vitalità e la forza di un “fanciullo” con gli occhi incantati e prossimo agli 87 anni, innamorato della vita, della cultura, della sua comunità, del suo dialetto, dei suoi concittadini… un esempio e un prezioso “scrigno” di ricordi e di cultura per tutti noi!

Grazie, Pippi!

Pantaleo Gianfreda

—————-

Carnevale, oggi e ieri

Mascarine e Mascariate

 

Te lu taccu nosciu

t’ù stivale,

te st’Italia marturiata,

e finu a susu,

ddhrunca gghé llargata,

e va te mare a mare,

nc’è  nnù fiaccu,

scumpijatu Carnivale!

 

Carnivale…

cu ggente mascariata

cu mascarine ianche,

o a cchiù culori,

nù pe’ fare

festa e allicria,

ma pe’ scanzare

’a trista “malatia”.

 

Nun c’è canti,

nun c’è soni,

nun c’è balli,

nun c’è carri,

nun c’è mancu le “spilate”,

comu quiddhre,

tutte ’llecre,

mascariate!

 

Gghé Carnivale

spurriu,

senza presciu…

te ggiurnu

a ggiurnu

va te male

an pesciu!

 

Speriamu

primu e urtimu

t’à storia!

Cu bascia

ssé ndè perda

la memoria!

 

A llù Quaranta,

a llù Cinquanta…

e puru cchiui

te lu seculu passatu,

a stù paese,

se facìa ’u Carnivale

’ntrà llè case,

cu “festini” e…

“crammofunu”,

alla bbona,

…senza spese!

 

Trasìne e ’ssìne

i “masci”

pe’ ballare…

e quarche cosa bona

te pruàre!

 

Nc’era nnà Bbanda,

su llà chiazza,

pe’ ritire,

nnà Bbanda, me ricordu,

scuncertata,

cu note ’nturtijate,

nnanzirretu,

te maestru Giacuminu,

cumandata.

 

Era…

’u Giacuminu “Mandurinu”,

crande artista,

te mosse, te muìne,

te bbacchetta,

“cciafferra”

te Ton Carlu,

’u “signurinu”!

Cumandava, tuttu mosse,

i sunaturi,

ca sunàne cu fischetti

e cu tamburi,

fatti te patelle e purzunetti,

cu cuperchi vecchi

pe’ piattini

e chitarre fiacche

pe’ piulìni!

La cupa-cupa,

ca ’u sonu strascianava,

tuttu lu cuncertu

scunciartava…

e la ggente, te risate,

sbutellava!

 

Poi… Carniale fice “òta”,

’ntise ’mprima ’mprima

lu prucressu,

forte ’mpizzacau

a stù paese

e fice mutu,

senza ccuarda spese.

 

A llà Scola

me ’mbisciai cu li vagnuni

pe’ carri, canzunette

e pe’ scherzetti… e puru

“sfilate” à menzu ’a via

pe’ dare a tutti,

propriu a tutti,

l’allicrìa!

 

Nci fòe teatru,

canti, soni e balli,

premi a llì vagnuni,

“mascherati”,

e tutti se ’ndè ssine…

tutti “premiati”

e a quistu nci pensàne

i “Cumitati”!

 

Era ’u “Carnevale collepassese”

e… ssè fice tantu…

propriu tantu…

 a stù paese!

 

Poi… l’annu passatu,

a qquai è turnatu,

menu male,

lu beddhru “Carnevale”,

tantu amatu!

 

Giuseppe Marzano

22.01.2021

Facebook Comments
Pubblicato da il 4 Febbraio 2021. Filed under Cronaca. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento