Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

“Solitudine caddripulina”, nuova poesia in vernacolo di Gino Barba

Gino con la moglie

Gino Barba, “caddripulinu verace” e artista multiforme (poeta e commediografo in vernacolo, cartapestaio, ecc.), pensionato, già dipendente della Fiat Allis di Lecce e poi lavoratore Lsu nel Comune di Collepasso (dove negli anni ’90, su iniziativa dell’Amministrazione, organizzò corsi di cartapesta per tanti ragazzi e giovani) è da alcuni anni lontano dalla sua amata Gallipoli per motivi familiari e di salute. Ritorna talora nella “Città bella”, nella sua casa del centro storico sita nella “curte” in cui ha anche ambientato la sua pregevole commedia dialettale “U Tatà Cò”, per respirare “aria caddripulina” e ritemprare il suo spirito.

Ha scritto molte poesie dialettali, spesso sarcastiche e irriverenti (alla stregua di un “Trilussa gaddripulinu”), in cui esprime il grande amore e, oggi anziano, la mai doma nostalgia per la sua Gallipoli. Come l’ultima, “Solitudine caddripulina”, che mi piace pubblicare per rendere onore ad un geniale gallipolino che mi onora della sua antica e sempre viva amicizia.

Solitudine caddripulina

Comu lu sole ca sparisce all’orizzonte

cusì t’aggiu persu paese meu,

… cci brutta sorte!!!

Eri chinu te vita…

mo’ ncè la solitudine ca te scunfita!!!

T’addru te ggiri ggiri nu nc’è cchiui ciujeddri…

su spariti puru l’aucieddri.

Lu scarparu, lu barbieri, lu sartu

e lu zzucaru……,

se nde sciutu puru l’urtimu ramaru.

La lega te l’uttari ave chiusu,

nu nc’è pertu mancu nu partusu!!!

“To sordi nu potettere…..tre sordi si potettere”.

Gelati… gelati… gelati…,

sane tutti già squajati.

La Vata Piri Piri ave spicciatu li pesciolini:

“andate via bbambini”.

Parieddri….parieddri…parieddri…

imu persu puru li scuparieddri.

“Moniceddri… moniceddri… moniceddri…”

critava lu Ggiuvanninu…

Ci gioia ca se santia,

quandu passava lu Pippi Bbambinu!!!.

Intra le ricchie tegnu ‘ncora l’ecu te ddra oce:

“chiangiti, chiangiti piccinnieddri,

ca su rrivati li campanieddri”.

“Mamma lu Cicci passa cu la catina t’oru, mamma ci tesoru,

lu Cicci ole me!!!”…

Cusì cantava la carusa nfacciata allu punente,

quando allu nnamuratu sou

nde cotulava lu “Tente”!!!

La chiazza era china te negozietti,

nde ricurdamu tutti lu Gigi te li cazzetti;

lu Ggiuvanninu te le caramelle,

le facia iddru le cchiu belle;

lu Cintuzzu e mesciu Ninu nde rallegravene

cu lla chitarra e lu mandulinu.

A nnanzi a Porta Terra se riuniene “li Sapienti”,

ca nu erene mai cuntenti.

Allu Vescuvatu nc’era Punsignore,

pe nui era nu grande onore;

la tumenaca dopu menzatia,

spicciava la messa l’ultima

e dde Sant’Agata ssia la meju “Signuria”.

Sulla chiazza allu Totu bbottoni

la cumbriccula te l’”amiconi”.

La farmacia te lu Provenzanu

trattava la gente ccu lu core a manu;

comu te poti riscurdare ddra gentilezza e ddra cortesia

ca le truvavi sulu a ddra Farmacia!!!.

Addri tiempi…

le strate erene chine te vagnuni

ca sciucavene a patruddri e a ppuni!!!

Te le casiceddre ssia nu ndore te cucinatu

fattu te cose semplici…

ma ccu llu sutore te la fronte fatiatu.

Te susu allu Municipiu

scindiene l’impiegati e l’assessori,

gente onesta e grandi “lavoratori”!!!

Pe le strate nu se sente chiui nu ramore,

ma sulamente lu propriu bbatticore!!!

Gino Barba

Ci pensu allu passatu

me sentu murtificatu!!!

Ricordi… ricordi… ricordi…,

ma nu tegnu chiui la forza e la vitalità…

“CADDRIPULI”,

te portu intra lu core meu nell’aldilà!!!

 

Pubblicato da il 17 Gennaio 2020. Filed under Notizie flash. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. Both comments and pings are currently closed.

Un commento a “Solitudine caddripulina”, nuova poesia in vernacolo di Gino Barba

  1. wakeful

    17 Gennaio 2020 a 21:21

    Grande poesia intrisa di tanti ricordi di una vecchia Gallipoli che oggi non esiste piu’!! rappresenta comunque ugualmente la nostra piccola Collepasso descritta nelle strofe e rime del prof. Pippi Marsano che a rileggerle fanno lacrimare il cuore al ricordo di tempi e della gente unicamente vera e genuina che fu