Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La Stazione dei Carabinieri di Collepasso “smaschera” tre ladri di carburante presso il distributore “Eni Agip”

Il distributore Eni di via P. Piemonte preso di mira dai tre ladri

Sgominata da parte della Stazione dei Carabinieri di Collepasso una banda che “si autoerogava” carburante gratis pro auto proprie.

Tre malviventi, manomettendo gli erogatori del distributore “Eni Agip” ubicato su via Principe di Piemonte, all’uscita del paese per Maglie, riuscivano, infatti, con diversi “prelievi” effettuati  nel corso della seconda metà del mese di settembre, ad impossessarsi gratuitamente di ben 400 litri di benzina e gasolio.

Lgt. Tersigio Zezza

Io ho solo firmato l’informativa”, ci tiene subito a precisare il nuovo Comandante della Stazione Lgt. Tersigio Zezza, “il merito è tutto del mar.llo Orlando, che ha condotto le indagini con impegno ed acume investigativo”.

Ho fatto solo il mio dovere, con il contributo dei colleghi”, si schermisce il Vicecomandante Giuseppe Orlando con la sua nota riservatezza e il proverbiale aplomb.

Schermaglie che fanno, però, intuire il nuovo ed attivo clima di collaborazione e di fiducia che si respira oggi nella locale caserma tra i militari addetti alla nostra sicurezza.

La vicenda ha origine nel corso della reggenza della Stazione da parte del Mar.llo Orlando (7-27 settembre), prima dell’insediamento del nuovo Comandante.

Il m.llo Giuseppe Orlando (a sin.) presso la sede della Caserma CC. di Collepasso

Il 22 settembre scorso la società che gestisce l’erogatore automatico del distributore “Eni Agip” alla periferia del paese, dopo aver verificato un ammanco di molti litri di benzina e gasolio, presenta una dettagliata denuncia alla Stazione dei Carabinieri. Nelle ore notturne del 16 e 19 settembre alcuni individui avevano provveduto, infatti, sbloccando il dispositivo di erogazione tramite l’applicazione di congegni elettronici, a fare diversi self service gratuiti alle proprie auto e persino a riempire diverse taniche di carburante, sia di benzina che di gasolio.

I furfanti, in verità un po’ “stupidelli” o forse troppo sicuri di sé (erano a volto scoperto), non si avvedevano, però, che il “film” delle loro “gesta” veniva “ripreso” da un freddo ed inflessibile “regista”: l’impianto di videosorveglianza ubicato presso il distributore.

Partivano subito le indagini e, dopo aver acquisito le immagini della videosorveglianza, i Carabinieri riuscivano ad individuare i tre “cleptocarburanti” (ladri di carburante) risalendo a loro tramite le targhe delle auto “gonfie” e cariche di benzina e gasolio.

Si tratta di tre cittadini, maggiorenni e di nazionalità italiana, residenti in Comuni vicini – P.G. e G.M. di Tuglie e M.M. di Sannicola -, già noti alle Forze dell’Ordine ed ora deferiti all’Autorità Giudiziaria.

Il mar.llo Orlando (a destra) dopo un’altra operazione investigativa

Legittima la soddisfazione del pur riservato Mar.llo Orlando, del Comandante Lgt. Zezza e di tutti i militari della Stazione dei Carabinieri di Collepasso.

Ho fatto solo il mio dovere – ripete ancora il Mar.llo Giuseppe Orlando, che, in sintonia con il Comandante Zezza, conclude con un auspicio: “Mi auguro che questa azione serva ad infondere maggiore fiducia nei cittadini verso le Forze dell’Ordine, in particolare verso la nostra Stazione dei Carabinieri, che deve e vuole essere presidio di legalità e punto di riferimento per tutti i cittadini di Collepasso”.

Non resta che condividere quest’esortazione ed esprimere congratulazioni ai nostri Carabinieri per un’azione, conclusa positivamente, che ha permesso di “privare” il “mercato nero” del ladrocinio di tre “operatori” del malaffare, che ora dovranno rispondere alla Magistratura delle loro “cattive azioni”.

Alla locale Arma dei Carabinieri… Ad meliora et maiora!

Pantaleo Gianfreda

Facebook Comments
Pubblicato da il 30 Ottobre 2020. Filed under Cronaca. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento