Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

“Repùtu pe lle chiazze salentine” di Giovanni Leuzzi nella piazza di Collepasso (mercoledì 21 agosto, ore 20)

Arriva finalmente anche nella piazza di Collepasso “Repútu pe lle chiazze salentine. Lamento funebre per le piazze rurali del Salento” (Congedo editore), poema dialettale di Giovanni Leuzzi.

Mercoledì 21 agosto, alle ore 20.00, nell’ambito dell’Estate Collepassese 2019, il libro verrà presentato a Collepasso, in piazza Dante, con la presenza dell’autore.

Dopo i saluti del sindaco Paolo Menozzi, dialoga con l’autore Antonio Rocco Corvaglia, docente di Filosofia.

Reading a cura di Maria Grazia Napoli e omaggi musicali di Roberto Vantaggiato ed Enzo Marenaci, cantastorie del Salento, e Marina Leuzzi, voce del gruppo folk “I Cardisanti” di Cutrofiano.

La tappa di Collepasso segue quelle percorse con successo in questi anni in tanti altri Comuni salentini.

Giovanni Leuzzi, laureato in Lettere Classiche, già docente nelle Scuole Superiori, da sempre impegnato in politica e per lunghi anni consigliere e vicesindaco di Cutrofiano, ha operato tutta la vita tra politica e cultura, privilegiando, oltre che importanti percorsi storico-letterari, la conoscenza e l’indagine sulla storia del Meridione e del Salento, sulle varie espressioni della cultura locale (arte, musica, religione), sulle evidenze linguistiche, espressive e documentali della macroarea griko-salentina. Anche l’approdo recente a prove poetiche in dialetto salentino è nello stesso tempo conferma e sviluppo di tale impegno, vissuto e perseguito con costante passione.

Note sul poema

“Repútu pe lle chiazze salentine” è un poema in ottava rima e in rigoroso dialetto salentino, che utilizza a pretesto narrativo una divertente storia paesana, fotografa, con i toni e registri più diversi e seguendo il libero andare della memoria, il rapido e per molti versi catastrofico diluirsi, in un nulla ancora indistinto, della millenaria civiltà contadina; una civiltà che nei centri rurali del Salento aveva realizzato, pur in un quadro diffuso di povertà, sfruttamento ed ingiustizia, straordinari risultati di risposta ai bisogni collettivi, di socialità ed identità culturale.

Le piazze di quei paesi, che negli ultimi anni sono state oggetto di importanti rifacimenti strutturali ed estetici dagli effetti spesso scenografici, perduta ogni funzione economica e sociale, oggi si presentano come spazi vuoti di presenza umana, freddi, senza storia, senza anima e memoria e ormai da decenni attendono nuova linfa e nuova vita, che sarà, se mai, del tutto diversa da quella di un passato leggendario ed irripetibile.

L’ottava rima, con la musica e le cadenze sue proprie, poggia sulla strepitosa padronanza di una lingua che, già grande di suo, si è strutturata nei secoli con scambi, arricchimenti ed imprestiti i più diversi, consentendo al popolo del Salento straordinarie capacità espressive, comunicative e creative; lingua che nel poema è strumento formidabile per il disegno di quadri, situazioni e personaggi, lo sviluppo del pensiero e del racconto, il dipanarsi di nostalgiche ricostruzioni e di ironiche, ma spesso amare e desolate, invettive, tutte giocate tra il semiserio rimpianto del passato e la icastica condanna del presente.

Pubblicato da il 20 Agosto 2019. Filed under Notizie flash. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *