Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Ladri e vandali sacrileghi rubano e devastano gli uffici parrocchiali e la Chiesa Cristo Re

 

Il parroco don Antonio Russo

Lo spettacolo apparso ieri mattina, domenica 1° settembre, al parroco della Chiesa Cristo Re don Antonio Russo, appena introdottosi negli uffici parrocchiali, è stato a dir poco agghiacciante.

Cartelle, stampati, moduli, carte varie e persino la fotocopiatrice scaraventati per terra, l’intero archivio sotto sopra… aperti e danneggiati i cassetti dell’Anspi e della Caritas… scardinate le porte della sagrestia e del piano superiore e le lampade votive… ancor più gravi e sconvolgenti la sacrilega violazione e lo scasso del tabernacolo con il furto della sacra lunetta depositaria dell’Ostia grande (abbandonata sull’altare)… rubate tutte le offerte in denaro, ecc.

Insomma uno spettacolo sconvolgente… un vero e proprio raid da parte di vandali e ladri sacrileghi che hanno violato la Chiesa e gli uffici annessi.

Chi può aver voluto un simile e grave sconquasso senza alcun rispetto per un luogo sacro?

I Carabinieri, avvertiti dal parroco, stanno indagando e nessuna pista è esclusa.

Tra l’altro va segnalato che alcuni giorni fa, il 21 agosto, mentre il parroco si recava presso l’abitazione di un defunto per il corteo funebre e la cerimonia di esequie, ignoti vandali avevano danneggiato presso la stessa Chiesa la bici di don Antonio, fracassando la forcella.

Nell’esprimere solidarietà a don Antonio e a tutta la Comunità parrocchiale, ci auguriamo che le Forze dell’Ordine individuino al più presto i responsabili del gravissimo atto.

La Parrocchia Cristo Re

Pubblicato da il 2 Settembre 2019. Filed under Notizie flash. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

5 commenti a Ladri e vandali sacrileghi rubano e devastano gli uffici parrocchiali e la Chiesa Cristo Re

  1. Piero Rispondi

    3 Settembre 2019 a 09:49

    io credo che non serva meravigliarsi per la telecamera non presente anche perchè chi compie certi gesti non ha remore di fronte a certe cose. Mi preoccuperei piuttosto per il dissacrante comportamento di chi compie certi gesti, perchè non fa altro che confermare la totale mancanza di valori che stiamo vivendo. Come è successo in chiesa, che è la casa di tutti, potrebbe succedere in casa di ognuno di noi: questo è il vero problema.

  2. Luigi Rispondi

    3 Settembre 2019 a 06:14

    Mma ,veramente non è che possiamo essere meravigliati, ho , io personalmente dispiaciuto più di tanto. (MA IO DICO POSSIBILE CHE LA CHIESA NON A 100€ per mettere una telecamera”.? I soldi non penso che mancano? Ho certo che non mancano !

  3. Ste Rispondi

    2 Settembre 2019 a 23:33

    Solidarietà a Don Antonio per questa nostra Chiesa Una, Santa, Cattolica, Apostolica e PERSEGUITATA più che mai.

    Matteo 5:11-12
    Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia. Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli. Così infatti hanno perseguitato i profeti prima di voi.

    Matteo 5: 43-48
    Avete inteso che fu detto: Amerai il tuo prossimo e odierai il tuo nemico; ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per i vostri persecutori, perché siate figli del Padre vostro celeste, che fa sorgere il suo sole sopra i malvagi e sopra i buoni, e fa piovere sopra i giusti e sopra gli ingiusti. Infatti se amate quelli che vi amano, quale merito ne avete? Non fanno così anche i pubblicani? E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? Non fanno così anche i pagani? Siate voi dunque perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste.

  4. Salvatore Lolli Rispondi

    2 Settembre 2019 a 21:20

    Mi dispiace per il vile atto commesso a nostro Signore ed alla cittadinanza di collepasso nonché a tutti i fedeli.

  5. Mary Rispondi

    2 Settembre 2019 a 19:06

    Solidale con don Antonio….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *