Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Il collepassese Grazio Pellegrino, “il poeta della penna verde”, nominato “Accademico di Sicilia per la letteratura”

Grazio Pellegrino, “il poeta della penna verde”

“Mi considero il poeta povero… per la mia povertà di scrittura fatta di parole che arrivano a tutti. La mente e l’anima. In questi due luoghi nasce la mia poesia, con una malinconia ispirata ai trascorsi della mia vita e alla nostalgia di persone, momenti e luoghi; rivolgendo lo sguardo al passato, alla mia terra contadina, amara, che poco ha donato a noi padri e poco dona ai suoi figli meritevoli costringendoli a percorrere anche loro la strada dell’emigrazione”: così parla di sé Grazio Pellegrino, conosciuto come “il poeta della penna verde”.

Grazio, nato a Collepasso il 2.1.1956, sottufficiale dell’Aeronautica militare in pensione, vive oggi ad Ispra (Va), ma non ha mai reciso le radici con il suo paese natio, cui continua a sentirsi profondamente legato e dove torna e dimora per molti periodi dell’anno.

Sabato 1° giugno, Grazio ha ricevuto a Palermo il titolo di “Accademico di Sicilia per la letteratura”, nel corso della XIII edizione del “Premio Internazionale Oscar del Mediterraneo” tenutasi in una bella serata di musica ed arte, che ha premiato e conferito prestigiosi riconoscimenti a personalità (tra cui il sindaco Leoluca Orlando), sia siciliane che nazionali, distintesi per il loro impegno culturale, sociale, politico, professionale e imprenditoriale.

Un riconoscimento che gratifica l’impegno artistico del nostro concittadino Grazio, il cui “approccio con la poesia è iniziato da adulto, spinto da un forte e sincero bisogno di comunicare la sua sofferenza e di interpretare se stesso”. Le avversità della vita gli hanno dato tanta amarezza e solitudine e a volte l’hanno portato a non essere se stesso. Ma la poesia ha fatto rinascere in lui sentimenti inespressi nascosti nel profondo della sua anima, “che nel bene e nel male stanno crescendo… anche, se in questa lotta, molte volte gli pare di essere un perdente”.

Nella sua poesia Grazio Pellegrino “cerca di esprimere la coscienza delle cose, rielaborando visioni che gli restituiscono gli anni della disperazione e della speranza. Viva è la presenza della figura della Donna, Madre e Figlia, e del Padre che è stato l’accompagnatore dei suoi sogni, per arrivare a una realtà che gli appartiene e che tutti possono condividere”. 

Inserito nella collana “I Grandi classici della Poesia italiana” insieme ai più grandi autori del Novecento, ha pubblicato poesie su molte collane insieme ad altri autori e partecipato a incontri poetici in tutta Italia e nel Canton Ticino. Ha ricevuto vari riconoscimenti ed è prossima la pubblicazione del suo primo libro di poesie.

L’Accademia di Sicilia, che ha fondato il “Premio internazionale Oscar del Mediterraneo” in collaborazione con I.S.L.A.S. (Istituto Superiore di Lettere, Arti e Scienze del Mediterraneo) e F.I.J.E.T. (Federazione Internazionale tra Giornalisti e scrittori di Turismo), ha voluto quest’anno, nel corso di uno spettacolo musicale e di arte varia, nominare meritatamente suo “Accademico” anche il nostro compaesano Grazio (Orazio”) Pellegrino, al quale vanno le congratulazioni mie personali e dell’intera comunità collepassese, che lui “onora” con la sua poesia e con questo importante riconoscimento.

Auguri, Grazio, “poeta della penna verde”… e ad maiora!

Pantaleo Gianfreda

Di seguito una delle sue belle e significative poesie.

PADRE

…sono venuto a cercarti…

dove il buio mi accompagna…

della tua paura……

e delle tue bestemmie…

solo il ricordo…

dove la fame…

non era solo per te…

terra rossa…

dove la maestosità…

degli ulivi…

portava lavoro…

di inverni freddi…

chino per terra…

in ginocchio…

come preghiera…

la raccolta delle olive…

nelle mie piccole mani…

il freddo di tramontana…

mi spaccava le labbra…

silenzio assordante…

di uliveti immensi…

dove ogni pensiero…

può volare…

e all’ombra…

di questi ricordi…

inarrestabile…

il mio cercarti…

e come da bambino…

nel mio danzare…

accompagnami…

nel mio…

ultimo inverno.

Grazio Pellegrino (Orazio), 2015

Pubblicato da il 3 Giugno 2019. Filed under Notizie flash. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

3 commenti a Il collepassese Grazio Pellegrino, “il poeta della penna verde”, nominato “Accademico di Sicilia per la letteratura”

  1. Rosalba Malerba Rispondi

    4 Giugno 2019 a 19:21

    Orazio che bello ritrovati in queste pagine per questo bel riconoscimento.
    Ti ricordo con grande affetto nella bella amicizia che ci legava negli anni 70 nel “Gruppo” di don Celestino. La tua poesia arriva nel profondo dell’anima. Grazie Orazio. Un abbraccio
    Rosalba Malerba

  2. Vito Paglialonga Rispondi

    4 Giugno 2019 a 15:35

    Bravo e complimenti Grazio.

  3. Pantaleo Rispondi

    4 Giugno 2019 a 08:51

    Orazio lo ricordo molto bene, fino all’età della sua partenza a Caserta prima e l’ultimo incontro poi, all’aeroporto di Brindisi.
    Siamo andati insieme a scuola alle elementari, un altro ricordo vivo i suoi allenamenti in bici per prepararsi per vari incontri agonistici.
    Dal lontano 1980 non abbiamo avuto modo di incontrarci.
    Un mio più sincero saluto e complimenti per la sua passione a scrivere poesie.

    D`Elia Pantaleo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *