Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Domenica 13 agosto, ore 21.00, Atrio Palazzo baronale, “Non tutti gli atti vengono per nuocere” di Dario Fo e Franca Rame

Domenica 13 agosto, alle ore 21.00, presso l’atrio del Palazzo baronale, nell’ambito dell’Estate collepassese 2017, la Compagnia Teatrale Makarìa, con il patrocinio del Comune e la collaborazione di Axacultura, presenta “Non tutti gli atti vengono per nuocere”, atti unici scritti da Dario Fo e Franca Rame, con la regìa di Marco Antonio Romano.

Lo spettacolo si compone di 5 atti unici scritti da Dario Fo (con la collaborazione di Franca Rame) nel corso della loro lunga carriera di commediografi e interpreti.

Nel breve lasso di tempo di un atto unico, il premio Nobel tratta volta per volta i temi di attualità dell’epoca in cui i testi videro la luce; si tratta di temi attuali ancora oggi e capaci, all’epoca della loro messinscena, di creare scalpore e disagio nella critica e presso le istituzioni. Nota è d’altronde la vicenda della cacciata dalla Rai dei due coniugi, proprio per la spregiudicatezza con cui affrontavano temi politici e sociali con vis polemica e geniale sarcasmo.

Avviene così che in questo spettacolo si affrontino temi quali la fecondazione assistita, la libertà dei costumi sessuali, l’aborto, potere vs ignoranza e la violenza sessuale sulle donne, temi ancora oggi caldi ed evidentemente irrisolti, capaci di generare ampi dibattiti etici e culturali.

La resa scenica è tuttavia divertente, tutti gli atti unici hanno il preciso obiettivo, oltre quello di far riflettere, di divertire; la messinscena è grottesca e talvolta surreale, paradossale e goliardica.

Un modo per provare a passare 90 minuti all’insegna del ragionar ridendo, della risata intelligente, perché “sempre allegri bisogna stare, che il nostro piangere fa male al re”.

Pubblicato da il 10 agosto 2017. Filed under Notizie flash. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *